Formula 1
30 apr
-
03 mag
Canceled
21 mag
-
24 mag
Canceled
04 giu
-
07 giu
Postponed
11 giu
-
14 giu
Postponed
25 giu
-
28 giu
Postponed
G
GP di Singapore
17 set
-
20 set
FP1 in
105 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
FP1 in
147 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
FP1 in
161 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
FP1 in
175 giorni

Togninalli: "Ecco perché la Ferrari fa fatica a mandare in temperature le gomme"

condividi
commenti
Togninalli: "Ecco perché la Ferrari fa fatica a mandare in temperature le gomme"
Di:
25 mag 2019, 07:40

Il responsabile degli ingegneri Ferrari, Matteo Togninalli, ha spiegato che con il disegno delle gomme 2019 il grip si attiva grazie a un processo isteretico nel quale i piloti devono trovare la giusta procedura di innesco della temperatura: a Monaco questo fenomeno si moltiplica.

Nella vigilia che precede l’entrata nel vivo del weekend di Monte Carlo l’argomento più discusso è stato (come da tradizione nel Principato) la gestione della gomma, ed in particolare come raggiungere l’agognata finestra in cui gli pneumatici si “accendono” per la felicità di piloti ed ingegneri.

Un problema sofferto in modo più o meno consistente da tutte le squadre, ma tra “più” e “meno” c’è differenza, e tra coloro che anche a Monte Carlo sembrano accusare maggiormente il colpo c’è la Ferrari.

Leggi anche:

Un feeling mai nato, quello tra la SF90 e la gamma Pirelli 2019, a dispetto di qualche giornata (in Bahrain) cui le cose sono andate nella giusta direzione.

Il responsabile degli ingegneri della Ferrari, Matteo Togninalli, ha fatto il punto tra problemi legati alla pista di Monaco e altri che invece sono specifici della SF90.

“Credo sia normale faticare qui nel Principato – ha spiegato - se andiamo a vedere le vigilie di questa gara vedremmo che gli argomenti di discussione sono sempre molti simili. Ogni volta che siamo venuti qui negli ultimi anni c’è sempre stato un certo allarme sul fronte gomme, ed in particolare su come riuscire a farle entrare nella giusta finestra d'utilizzo".

"Perché quest'anno la situazione è peggiore? Con il disegno delle gomme 2019 il grip si attiva grazie a un processo isteretico (caratteristica di un sistema di reagire in ritardo alle sollecitazioni applicate e in dipendenza dello stato precedente). Dunque più ti muovi e più generi caldo da quell'energia prodotta, aumentando il grip".

"Questo rende il warm-up delle gomme molto più complicato. Qui e in altre piste. Il punto è che in altri circuiti hai molta più energia grazie al layout differente e alla velocità media che raggiungono le monoposto. Questo è sufficiente. Qui si fatica sempre ed è molto più difficile, e questo è perché fatichiamo ancora di più”.

 

Articolo successivo
Rueda, stratega Ferrari: "Ecco perché l'undercut a Monaco non paga"

Articolo precedente

Rueda, stratega Ferrari: "Ecco perché l'undercut a Monaco non paga"

Articolo successivo

La FIA boccia il bando del cambio standard. Si sgretolano le regole 2021?

La FIA boccia il bando del cambio standard. Si sgretolano le regole 2021?
Carica i commenti