Todt contro la Qualifying Sprint: "La F1 non ne ha bisogno"

Il presidente della FIA Jean Todt afferma pubblicamente di non vedere l'utilità della Qualifying Sprint che sarà provata quest'anno in F1, ma, allo stesso tempo, di essere curioso di vedere quali risultati darà a livello di interesse.

Todt contro la Qualifying Sprint: "La F1 non ne ha bisogno"

Lo scorso 26 aprile la Formula 1 ha approvato l'adozione in 3 fine settimana della Qualifying Sprint, una vera e propria "gara" del sabato che definirà lo schieramento di partenza della gara domenicale.

Si tratta di una vera e propria rivoluzione per la Formula 1. 3 gli appuntamenti in cui sarà testato questo nuovo format: Silverstone, Monza e una terza gara che dovrebbe tenersi fuori dall'Europa.

La Qualifying Sprint sarà molto importante non solo per la giornata di sabato, ma anche per il venerdì. Nella prima giornata di pista i team avranno a disposizione un solo turno di prove libere lungo 60 minuti e poi le qualifiche pomeridiane per definire la griglia di partenza della Qualifying Sprint.

Questa formula ha portato diversi addetti ai lavori a essere pro o contro, facendo però storcere il naso ogni fine settimana di più considerando lo spettacolo offerto dalle qualifiche nel corso di questa stagione.

Uno di questi, a sorpresa, è Jean Todt. Il presidente della Federazione Internazionale dell'Automobile ha preso una posizione personale piuttosto netta, pur non chiudendo completamente le porte al nuovo format.

"Per prima cosa, non non chiamiamo gara la Qualifying Sprint", ha dichiarato il presidente della FIA presente al Paul Ricard, sede del Gran Premio di Francia. "Personalmente ho parte della responsabilità, se questa non può essere definita tale".

"Per me la gara è solo quella che si disputa alla domenica. Se mi chiedete se sono un fan della Qualifying Sprint, la risposta è no".

"Non credo che la F1 abbia bisogno di una cosa del genere. Ma dall'altra parte, se la gente vuole provare qualcosa di diverso, non stiamo andando a toccare la gara della domenica".

Sebbene Todt abbia affermato la non necessità di adottare un format simile per la Formula 1, apre uno spiraglio inatteso perché intrigato dal poter capire quali saranno le reazioni del pubblico una volta resosi conto di cosa significhi concretamente la Qualifyung Sprint.

"Sarà un modo differente di disegnare la griglia di partenza della domenica. Non ci costerà nulla provare. Sono curioso di vedere come andrà, ma sono sicuro che non andrà a danneggiare la gara di domenica".

"La gente potrebbe dire che sia più interessante il sabato della domenica, ma non è un grande rischio a livello d'immagine e della credibilità del Mondiale", ha concluso Todt.

condividi
commenti
Gasly esulta: "AT02 perfetta nel momento opportuno"

Articolo precedente

Gasly esulta: "AT02 perfetta nel momento opportuno"

Articolo successivo

Mercedes: ecco come è stato modificato il brake magic

Mercedes: ecco come è stato modificato il brake magic
Carica i commenti