Test Pirelli a Barcellona: sulla Ferrari ci sarà il derby Giovinazzi-Leclerc

La Pirelli ha rivoluzionato i piani per un problema tecnico emerso ieri sulla Ferrari. La SF70H riparata con i pezzi giunti da Maranello dovrà coprire oggi una distanza di 1.200 km, vale a dire 4GP. E così a Giovinazzi è stato affiancato Leclerc...

Per la Ferrari non è ancora il momento delle vacanze: Antonio Giovinazzi sta girando con la Ferrari SF70H a Barcellona per portare avanti il lavoro di sviluppo delle gomme Pirelli prototipo in previsione del 2018.

La squadra del Cavallino è stata costretta a modificare i piani di lavoro che prevedevano due giorni di test sulla pista del GP di Spagna, ma ieri mattina è emerso una perdita idraulica e un problema all'idroguida che ha consigliato il test team di aspettare l'invio dei pezzi di ricambio da Maranello, piuttosto che cercare di fare la riparazione sul posto.

La Pirelli, quindi, in accordo con la Ferrari, ha deciso un programma di lavoro che prevede la percorrenza di 1.200 km in un solo giorno, vale a dire la distanza pari a quattro GP!

Stiamo parlando di un limite oggettivamente non sostenibile per un solo pilota per cui Antonio Giovinazzi è all'opera dalle 8 di questa mattina e ultimerà i primi due GP prima di cedere il volante della Rossa a Charles Leclerc che si calerà nell'abitacolo della Rossa nel pomeriggio avendo l'autorizzazione per proseguire il lavoro fino alle ore 20.

Il monegasco arriva in Catalogna dopo essere stato il più veloce nella prima giornata di test all'Hungaroring proprio con la SF70H, mentre il pugliese vuole dimenticare in fretta la Haas sbattuta nella prima sessione di prove libere della gara magiara.

Per una questione fortuita, quindi, i due giovani gioielli della Ferrari si troveranno a confronto diretto sulla stessa macchina (la SF70H) e sulla stessa pista (Barcellona) e insieme contribuiranno allo sviluppo delle nuove mescole più morbide che la Pirelli sta sviluppando.

A Maranello avrebbero volentieri evitato un "derby" fra i due piloti che Sergio Marchionne vorrebbe portare in Formula 1 l'anno prossimo, ma la realtà dei fatti ha modificato i piani, offrendo un inedito confronto che attirerà una grande attenzione pur trattandosi solo di un test di gomme, nel quale la macchina deve restare rigorosamente standard e le gomme montate saranno non riconoscibili.

C'è la possibilità che la Hard, mescola che è già finita nel dimenticatoio quest'anno, possa essere sosttuita da un nuovo pneumatico più morbido della Ultrasoft, per cui la Pirelli non esclude che i prodotti 2018 potrebbero addirittura diventare sei.

 

 

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Sub-evento Mercoledì
Piloti Antonio Giovinazzi , Charles Leclerc
Team Ferrari
Articolo di tipo Ultime notizie