Formula 1
12 mar
-
15 mar
Evento concluso
21 mag
-
24 mag
FP1 in
63 giorni
G
GP del Canada
11 giu
-
14 giu
FP1 in
85 giorni
02 lug
-
05 lug
FP1 in
106 giorni
G
GP di Gran Bretagna
16 lug
-
19 lug
FP1 in
120 giorni
G
GP d'Ungheria
30 lug
-
02 ago
FP1 in
134 giorni
G
GP del Belgio
27 ago
-
30 ago
FP1 in
162 giorni
03 set
-
06 set
FP1 in
169 giorni
G
GP di Singapore
17 set
-
20 set
FP1 in
183 giorni
G
GP degli Stati Uniti
22 ott
-
25 ott
FP1 in
218 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
FP1 in
225 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
FP1 in
239 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
FP1 in
253 giorni

Test F1, Day 3: Ferrari e Mercedes nascoste dietro Ricciardo

condividi
commenti
Test F1, Day 3: Ferrari e Mercedes nascoste dietro Ricciardo
Di:
28 feb 2020, 12:26

Nella simulazione qualifica il più rapido è stato a sorpresa l'australiano davanti a Leclerc e Hamilton. Red Bull in difficoltà con l'assetto della RB16.

L'ultima giornata di test del Montmelo si preannunciava esplosiva dal punto di vista dei programmi del team e così è stato. Ferrari, Mercedes e Renault hanno approfittato dell'ultima ora della sessione mattutina per provare le gomme più soffici della gamma 2020 della Pirelli, dunque C4 e, soprattutto C5 (rispettivamente Soft e Supersoft) per fare simulazioni di qualifica.

Alla fine della mattinata, un po' a sorpresa, ha svettato la Renault R.S.20 di Daniel Ricciardo. L'australiano, al volante della "all black" di Enstone, ha fermato il cronometro in 1'16"276, precedendo di 84 millesimi di secondo la Ferrari SF1000 di Charles Leclerc e di 134 la Mercedes W11 di Lewis Hamilton.

Finalmente un po' d'azione dopo tanta pretattica, team che hanno giocato a nascondino su aggiornamenti e potenzialità delle rispettive monoposto. Ma, attenzione, questi non sono tempi molto indicativi. Sia Ferrari che Mercedes hanno mostrato di non aver spinto nelle mappature dei rispettivi motori, dunque hanno ancora in serbo potenziale inespresso sino a oggi.

Leclerc e Hamilton non sono andati oltre i 310 km/h sul rettilineo, mentre la concorrenza ha fatto meglio. Per Renault una bella soddisfazione chiudere una sessione davanti a tutti dopo aver faticato nei giorni scorsi, mentre Ferrari e Mercedes hanno lavorato molto su gomme C3 nel corso della mattinata. Interessante lo scontro diretto tra Leclerc e Hamilton avvenuto nella parte centrale della sessione.

I due si sono trovati a girare assieme con mescole C3, girando su tempi simili. E' bene sottolinare come i crono del 6 volte iridato della Mercedes fossero sempre di qualche decimo migliori rispetto a quelli del giovane monegasco della Ferrari. Inoltre rimane il dubbio sulla quantità di benzina imbarcata dalle due monoposto, ma oggi la SF1000 è parsa meno in difficoltà rispetto alle giornate precedenti.

Anche oggi risulta impossibile non parlare in termini lusinghieri della Racing Point. Sergio Perez ha ottenuto il quarto posto a meno di 4 decimi dal riferimento di Ricciardo, ma utilizzando gomme a mescola C3, dunque le medie. Perez, sul giro secco con le medie, è stato impressionante, a conferma di quanto la Racing Point voglia assolutamente correre a Melbourne per poter approfittare di un potenziale inaspettato.

McLaren chiude la Top 5 con Carlos Sainz al volante della MCL35. La arancio-papaya ha impressionato con gomme dure e medie, mostrando di aver fatto un bel passo avanti rispetto all'inizio della settimana. Sainz sembra essere molto più a suo agio con la MCL35 rispetto a Lando Norris. Buona mattinata per George Russell, sesto ma usando un set di mescole C5, le più performanti della gamma Pirelli.

Daniil Kvyat e l'AlphaTauri AT01 hanno convinto maggiormente con gomme dure e medie. Si trovano in settima posizione davanti alla solita, anonima Haas VF-20, oggi guidata da Romain Grosjean, ma anche all'Alfa Romeo Racinv C39, oggi nelle mani di Kimi Raikkonen. La vettura di Hinwil sembra essere in difficoltà a trovare un buon tempo con gomme morbide: e dire che Kubica, a inizio settimana, aveva mostrato l'esatto contrario.

Chiude la classifica un Alexander Albon in difficoltà. Ma a sembrare in crisi non è tanto il pilota, quanto il team che continua a lavorare per trovare il giusto compromesso d'assetto per la RB16. Anche oggi il thailandese è stato protagonista di un testacoda, l'ennesimo per un pilota della Red Bull. E ora il tempo per sistemare le cose inizia davvero a scarseggiare. Coronavirus permettendo.

Pos Pilota Team Tempo Gap Giri
1 Daniel Ricciardo Renault 1m16.276s   65
2 Charles Leclerc Ferrari 1m16.360s +0.084 76
3 Lewis Hamilton Mercedes 1m16.410s +0.134 90
4 Sergio Perez Racing Point 1m16.658s +0.382 43
5 Carlos Sainz McLaren 1m16.820s +0.544 65
6 Daniil Kvyat AlphaTauri 1m16.914s +0.595 43
7 George Russell Williams 1m17.018s +0.638 59
8 Romain Grosjean Haas 1m17.037s +0.761 86
9 Kimi Raikkonen Alfa Romeo 1m17.415s +1.139 62
10 Alex Albon Red Bull 1m17.803s +1.527 59
Articolo successivo
Davanti a Ferrari: in Racing Point ci credono

Articolo precedente

Davanti a Ferrari: in Racing Point ci credono

Articolo successivo

GP d'Australia: semaforo verde, ma con dei controlli

GP d'Australia: semaforo verde, ma con dei controlli
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Evento Test II di Febbraio a Barcellona
Sotto-evento Venerdì
Autore Giacomo Rauli