Formula 1
12 mar
-
15 mar
Evento concluso
G
GP del Canada
11 giu
-
14 giu
FP1 in
84 giorni
02 lug
-
05 lug
FP1 in
105 giorni
G
GP di Gran Bretagna
16 lug
-
19 lug
FP1 in
119 giorni
G
GP d'Ungheria
30 lug
-
02 ago
FP1 in
133 giorni
G
GP del Belgio
27 ago
-
30 ago
FP1 in
161 giorni
03 set
-
06 set
FP1 in
168 giorni
G
GP di Singapore
17 set
-
20 set
FP1 in
182 giorni
G
GP degli Stati Uniti
22 ott
-
25 ott
FP1 in
217 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
FP1 in
224 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
FP1 in
238 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
FP1 in
252 giorni
F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola
Topic

F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola

Alfa Romeo: due piloni grandi per creare dei soffiaggi

condividi
commenti
Alfa Romeo: due piloni grandi per creare dei soffiaggi
Di:
29 feb 2020, 15:49

Con l'adozione della nuova ala posteriore a cucchiaio la squadra di Hinwil ha usato anche due inediti sostegni che sono raddoppiati in altezza nel tentativo di sfruttare l'attuatore dell'ala mobile come un separatore di flusso.

L’Alfa Romeo non ha entusiasmato nei test invernali di Barcellona. La C39 guidata da Kimi Raikkonen, Antonio Giovinazzi e Robert Kubica ha avuto un grande inizio con il tester polacco davanti a tutti nel primo giorno, ma poi le cose sono cambiate e la monoposto di Hinwil è via via scivolata più indietro.

Eppure l’Alfa Romeo ha portato alcune soluzioni interessanti che rappresentano il primo sviluppo della C39 dopo la presentazione ufficiale. Non sono sfuggiti, per esempio, i piloni che reggono l’ala posteriore.

Con l’ala più carica, dotata del profilo principale piatto, i due supporti con la forma del collo di cigno erano piccoli, in linea con il disegno di quelli Ferrari che hanno ispirato una scelta condivisa quasi da tutti i team (ad eccezione di Renaut e AlphaTauri).

Alfa Romeo C39: i piloni di sostegno dell'ala posteriore a confronto. A sinistra quelli nuovi più grandi.

Alfa Romeo C39: i piloni di sostegno dell'ala posteriore a confronto. A sinistra quelli nuovi più grandi.

Photo by: Giorgio Piola

Nella seconda sessione di test spagnoli sono comparse nuove ali anteriore e posteriore. Nel retrotreno l’adozione del profilo principale a cucchiaio ha richiesto dei piloni dell’ala più grandi: i tecnici di Hinwil, però, hanno ecceduto mostrando due colli di cigno che in altezza sono arrivati quasi all’attuatore dell’ala mobile.

La sensazione è che gli svizzeri abbiano pensato all’idea di sfruttare proprio l’attuatore al centro dell’ala come elemento non solo di supporto al comando del DRS, ma anche come elemento aerodinamico.

Nel disegno di Giorgio Piola, sotto, si possono osservare le grandi differenze: non è da escludere che gli aerodinamici di Hnwil abbiano cercato di convogliare l’aria verso la parte centrale del flap mobile cercando un soffiaggio.

Articolo successivo
Ferrari: l’accordo FIA sui motori? Una vittoria di Binotto

Articolo precedente

Ferrari: l’accordo FIA sui motori? Una vittoria di Binotto

Articolo successivo

Russell fa pretattica: "La FW43 è ancora la macchina più lenta"

Russell fa pretattica: "La FW43 è ancora la macchina più lenta"
Carica i commenti