Formula 1
12 mar
-
15 mar
Evento concluso
G
GP del Canada
11 giu
-
14 giu
FP1 in
84 giorni
02 lug
-
05 lug
FP1 in
104 giorni
G
GP di Gran Bretagna
16 lug
-
19 lug
FP1 in
119 giorni
G
GP d'Ungheria
30 lug
-
02 ago
FP1 in
132 giorni
G
GP del Belgio
27 ago
-
30 ago
FP1 in
160 giorni
03 set
-
06 set
FP1 in
167 giorni
G
GP di Singapore
17 set
-
20 set
FP1 in
181 giorni
G
GP degli Stati Uniti
22 ott
-
25 ott
FP1 in
217 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
FP1 in
224 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
FP1 in
238 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
FP1 in
251 giorni

Test Barcellona, Day 2: Ferrari al top, ma contro vento

condividi
commenti
Test Barcellona, Day 2: Ferrari al top, ma contro vento
Di:
27 feb 2020, 12:27

La SF1000 chiude in vetta, ma con le C5 non entusiasma avendo un vantaggio di appena 2 decimi sulla RP20 di Stroll con le C3. Red Bull con un nuovo pacchetto aerodinamico.

Spicca il rosso Ferrari in vetta alla classifica generale della sessione mattutina che ha aperto il secondo giorno dei Test 2 di Formula 1 sul tracciato di Barcellona. A ottenere la miglior prestazione al volante della SF1000 è stato Sebastian Vettel in 1'16"841 dopo aver sfruttato un set di gomme C5, le più prestazionali della gamma Pirelli.

Vettel ha fatto la simulazione di qualifica nell'ultima ora della mattinata provando 3 mescole C5 (SuperSoft). Queste sono state sufficienti per portare la Rossa al top, ma con più di una riserva. Sembra infatti che in queste simulazioni la mappatura del motore fosse già in modalità qualifica. Non una buona notizia, perché in seconda posizione ad appena 2 decimi di secondo c'è la Racing Point RP20 di Lance Stroll.

Il fatto che il canadese sia riuscito a ottenere la seconda prestazione di mattinata con gomme C3 (medie) ad appena 2 decimi dal miglior tempo di Vettel non lascia certo tranquilli gli ingegneri Ferrari. Tra le C5 e le C3 ci dovrebbe essere un margine a favore della SuperSoft di circa 1".

La SF1000 potrebbe però aver sofferto del grande vento che ha attanagliato il Montmelo da metà mattinata. Già Leclerc si era lamentato nelle ultime due settimane di quanto il vento avesse disturbato la monoposto del Cavallino Rampante. Vettel ha anche provocato la seconda bandiera rossa della giornata, finendo in testacoda alla Curva 5.

La Williams e Nicholas Latifi sono la grande sorpresa della mattinata con il loro terzo tempo ottenuto con mescole C5, le SuperSoft. Il canadese ha sfruttato bene quelle mescole, unite al serbatoio vuoto della monoposto di Grove per salire davanti alla McLaren MCL35 di Lando Norris. Il britannico ha sfruttato un set di medie per portare in quarta posizione la monoposto arancio papaya davanti alla Red Bull RB16 di Max Verstappen.

Per il team di Milton Keynes oggi è stata una giornata importante, perché ha fatto il suo debutto il nuovo pacchetto aerodinamico che comprende una nuova ala anteriore, nuovi bargeboard, un nuovo fondo e un nuovo diffusore. Peccato che il team abbia potuto lavorarci poco sopra perché Max Verstappen è finito in testacoda alla Curva 5, finendo per insabbiare la monoposto numero 33 dotata di tutte le novità.

Questo non ha permesso alla Red Bull di lavorare quanto avrebbe voluto con la RB16, ma il tempo ottenuto con le C2 lascia intravedere un potenziale piuttosto importante della nuova creatura firmata da Adrian Newey. Poco appariscente la Mercedes con Valtteri Bottas. La W11 è stata autrice di un fuoripista alla Curva 5 quando l'asfalto era ancora umido, ma il finnico è stato molto bravo a controllare la macchina ed evitare che finisse a muro.

Esteban Ocon è accreditato del settimo tempo con la Renault R.S.20 dotata di gomme C4 (Soft), dunque non una grande prestazione per la "all black" francese. L'ex pilota Mercedes ha preceduto la solita Haas VF-20 che anche nelle mani di Kevin Magnussen continua a palesare un sottosterzo assai accentuato.

Giornata sfortunata per l'Alfa Romeo, perché dopo aver montato un'ala posteriore dai nuovi piloni di sostegno (molto più grandi di quelli della versione precedente), Antonio Giovinazzi ha perso il controllo della C39 alla Curva 4, finendo contro le barriere e rovinando proprio la nuova ala. L'uscita di pista del pugliese ha indotto i commissari a sventolare la prima bandiera rossa di giornata. Ultimo tempo per l'AlphaTauri di Pierre Gasly.

Pos Pilota Vettura Tempo Gap Giri
1 Sebastian Vettel Ferrari 1m16.841s   49
2 Lance Stroll Racing Point 1m17.118s +0.277 30
3 Nicholas Latifi Williams 1m17.313s +0.472 43
4 Lando Norris McLaren 1m17.573s +0.732 43
5 Max Verstappen Red Bull 1m17.738s +0.897 31
6 Valtteri Bottas Mercedes 1m17.985s +1.144 47
7 Esteban Ocon Renault 1m18.013s +1.172 37
8 Kevin Magnussen Haas 1m18.225s +1.384 31
9 Antonio Giovinazzi Alfa Romeo 1m19.670s +2.829 16
10 Pierre Gasly AlphaTauri 1m22.566s +5.725 35
Articolo successivo
Red Bull: Verstappen rovina l'inedito pacchetto aerodinamico

Articolo precedente

Red Bull: Verstappen rovina l'inedito pacchetto aerodinamico

Articolo successivo

Pincus dalla Heineken alla F1 come responsabile sponsorizzazioni

Pincus dalla Heineken alla F1 come responsabile sponsorizzazioni
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Evento Test II di Febbraio a Barcellona
Sotto-evento Giovedì
Autore Giacomo Rauli