Formula 1
12 mar
-
15 mar
Evento concluso
G
GP d'Ungheria
30 lug
-
02 ago
FP1 in
111 giorni
G
GP del Belgio
27 ago
-
30 ago
FP1 in
139 giorni
03 set
-
06 set
FP1 in
146 giorni
G
GP di Singapore
17 set
-
20 set
FP1 in
160 giorni
G
GP degli Stati Uniti
22 ott
-
25 ott
FP1 in
196 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
FP1 in
203 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
FP1 in
216 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
FP1 in
230 giorni

Test 2 Barcellona, Day 1: Alfa al top con Kubica. Vettel sesto

condividi
commenti
Test 2 Barcellona, Day 1: Alfa al top con Kubica. Vettel sesto
Di:
26 feb 2020, 12:26

Il polacco sfrutta un set di C5 e porta l'Alfa in testa alla mattina. Mercedes vola con Hamilton, che mostra di avere un ottimo passo. Problemi per Red Bull e AlphaTauri.

Il Test 2 pre-stagionale di Formula 1 è scattato questa mattina con la prima delle tre giornate previste sul tracciato del Montmelo di Barcellona dopo le 3 già disputate la settimana scorsa. A sorpresa in vetta alla classifica provvisoria troviamo l'Alfa Romeo Racing C39.

La pennellata d'autore è stata firmata da Robert Kubica, che ha avuto modo di poter sfruttare un set di gomme a mescola C5 - le SuperSoft, ossia le più prestazionali dell'intera gamma Pirelli - per fermare il cronometro in 1'16"942. Il polacco ha così potuto fare una prova di qualifica per aiutare il team a progredire anche sul giro secco.

Kubica è stato anche autore di un testacoda innocuo nelle fasi iniziali della sessione, mentre l'Alfa Romeo ha presentato una nuova ala anteriore, primo pezzo del pacchetto progettato per la prima gara di Melbourne. Nel pomeriggio sarà Kimi Raikkonen a proseguire il lavoro di comparazione e sviluppo della nuova componente.

In seconda e terza posizione troviamo l'AlphaTauri AT01 di Pierre Gasly e la Red Bull RB16 di Alexander Albon. Sebbene il cronometro parli di loro come due protagonisti, è bene sottolineare come le due squadre siano state costrette a rimanere ai box entrambe per oltre 2 ore e mezza. Il team di Faenza ha dovuto smontare la power unit per un errato assemblaggio di un tubo allentato, mentre quello di Milton Keynes ha subito la rottura di una sospensione posteriore.

Gasly ha firmato il secondo tempo con gomme a mescola C4 (Soft), mentre Albon si è distinto per un ottimo tempo con gomme C2, le dure. Con lo stesso tipo di mescole Lewis Hamilton ha lavorato per tutta la mattinata inanellando run di 14 o 15 giri molto interessanti. I tempi del 6 volte iridato sono sempre rimasti costanti e competitivi, e a fare ancora più paura agli avversari è il fatto che il suo miglior tempo sia arrivato con appena un settore record su 3, mentre negli altri è parso non sfruttare appieno l'intero potenziale della W11.

Lewis ha così chiuso quarto davanti alla sempre sorprendente Racing Point di Lance Stroll. Il canadese ha portato la RP20 in Top 5 sfruttando un set di mescole C3 (Medium), sufficiente per precedere la Ferrari SF1000 che questa mattina era affidata a Sebastian Vettel. Il tedesco ha lavorato a sua volta con gomme C2 e C3, senza mai spingere a fondo anche perché ha dovuto fare le prime comparative con la nuova ala posteriore a cucchiaio che la Ferrari ha fatto esordire proprio oggi.

Vettel ha anche innescato una delle due bandiere rosse della giornata, uscendo di pista e finendo successivamente in testacoda. Una manovra innocua, tanto che il 4 volte iridato è riuscito a proseguire la sua marcia senza problemi, ma ha costretto i commissari ad esporre bandiera rossa per pulire la pista dalla ghiaia portata dentro dall'escursione della SF1000.

Mattinata di grande impegno sui long run anche per Renault e McLaren, rispettivamente con Daniel Ricciardo e Carlos Sainz al volante. Nicholas Latifi, invece, ha provocato la seconda bandiera rossa fermando la sua Williams FW43 in curva 8 a causa di un guasto al retrotreno.

La macchina di Grove ha fumato dal retrotreno, per poi perdere olio. In casa Mercedes si teme un altro guasto al motore dopo quello della settimana scorsa che ha costretto Bottas a rimanere a lungo ai box. Chiude la classifica la Haas di Romain Grosjean. Per il momento, le prestazioni in ombra della VF-20 sembrano la vera e sinistra costante di questi test per il team americano.

Da segnalare inoltre che Vettel e Hamilton, nelle prime battute della mattina, hanno fatto un paio di run provando le gomme prototipali per Zandvoort. Queste erano riconoscibili dalla mancanza di colori e scritte sulle spalle, risultando completamente nere e anonime. Ricordiamo che la novità è legata alle gomme anteriori, che hanno una costruzione differente per sopportare i carichi laterali dovuti al banking dell'ultima curva della pista olandese, ma anche alla rugosità del suo asfalto.

Pos Pilota Vettura Team Gomme
1 Kubica Alfa Romeo C5 1m16.942s
2 Gasly AlphaTauri C4 1m17.540s
3 Albon Red Bull C2 1m17.550s
4 Hamilton Mercedes C2 1m17.562s
5 Stroll Racing Point C3 1m17.787s
6 Vettel Ferrari C3 1m18.113s
7 Ricciardo Renault C2 1m18.214s
8 Sainz McLaren C3 1m18.221s
9 Latifi Williams C4 1m18.300s
10 Grosjean Haas C3 1m18.670s
Articolo successivo
Alfa Romeo C39: nuovo profilo principale sull'ala davanti

Articolo precedente

Alfa Romeo C39: nuovo profilo principale sull'ala davanti

Articolo successivo

Allarme Mercedes: rotto un altro motore sulla Williams

Allarme Mercedes: rotto un altro motore sulla Williams
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Evento Test II di Febbraio a Barcellona
Sotto-evento Mercoledì
Autore Giacomo Rauli