Terremoto in Messico: il circuito Rodriguez ora è un campo di accoglienza!

Nel drammatico terremoto di magnitudo 7.1 che ha colpito Città del Messico non si segnalano danni al crcuito intitolato ai fratelli Rodriguez che dovrebbe ospitare il GP fra quaranta giorni. Nella struttura allestiti i servizi d’emergenza e...

Il dramma che ha colpito Città del Messico è destinato ad avere strascichi importanti su tutte le attività pianificate nella Capitale nei prossimi mesi. Lo stato di emergenza ora dopo ora conferma un quadro estremamente grave, che coinvolge diverse aree della città inclusa quella in cui sorge il circuito intitolato ai fratelli Rodriguez.

Ci vorranno un paio di giorni per avere delle indicazioni dettagliate sullo stato dell’impianto e le prime intenzioni delle autorità locali sui programmi futuri, cosa più che comprensibile considerando le priorità drammatiche del momento.

Le prime indicazioni che arrivano dal circuito non riportano danni alle strutture, anche se resta da ispezionare la zona del Foro Sol (lo stadio).

Nell’impianto è stato allestito un campo accoglienza per le persone che non hanno la possibilità di accedere alle loro abitazioni, con servizi d’emergenza e assistenza sanitaria. A soli quaranta giorni dal Gran Premio appare difficile e prematuro pensare a quelle che saranno le scelte delle autorità locali.

E’ molto probabile che sia FIA che Liberty Media si rimetteranno alle loro decisioni: se riterranno opportuno cancellare l’evento è credibile che non ci sarà alcun problema da parte di chi gestisce la Formula 1, se al contrario il Gran Premio sarà visto come un simbolo di ripartenza, sarà lo stesso Circus a mettersi a disposizione...

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Evento GP del Messico
Circuito Autódromo Hermanos Rodríguez
Articolo di tipo Ultime notizie