Tegola Russell: cambio motore e penalità in griglia

Il pilota inglese dovrà montare la quarta power unit e per questo motivo sarà costretto ad avviarsi in gara dal fondo dello schieramento.

Tegola Russell: cambio motore e penalità in griglia

E’ iniziato nel peggiore dei modi il weekend del GP di Turchia per George Russell. Il pilota della Williams, in cerca di riscatto dopo il grave errore commesso ad Imola quando è finito a muro in regime di safety car, dovrà cambiare la propria power unit e sarà così costretto a scontare una penalità in griglia.

Russell monterà un nuovo motore Mercedes V6, incluso un nuovo turbocompressore ed una nuova MGU-H. Questi elementi sono i quarti che l’inglese utilizzerà in questa stagione, ma sulla sua Williams verrà anche montata la terza MGU-K.

Questa penalità è una eredita derivante dalla prima gara stagionale in Austria disputata a luglio durante la quale Russell ha accusato un problema al motore.

In quella occasione George è stato costretto al ritiro al giro 49 ed il team di Grove aveva indicato come il problema fosse relativo alla pressione della benzina. Quella power unit è stata successivamente inviata presso la HPP a Brixworth e dopo le indagini è stato scoperto che, in realtà, il problema era relativo alla trasmissione.

Russell ha così dovuto montare una seconda power unit già a partire dalla seconda gara stagionale, sempre in Austria, ed il team era quindi consapevole che per entro la fine della stagione sarebbe stato necessario scontare una penalità per montare un quarto elemento.

Per il pilota della Williams è un peccato considerato le grandi performance che sta offrendo quest’anno in qualifica.

“Le auto di Formula 1 sono così complesse e tutto deve combaciare come un grande puzzle. Credo che stiamo riuscendo a far combaciare sempre più cose tra di loro. Tutto sta proseguendo bene ed io riesco ad avere sempre più fiducia con questa macchina gara dopo gara”.

“I nostri ingegneri stanno migliorando costantemente il set-up. Stiamo imparando sempre di più e così facendo stiamo riuscendo ad avvicinarci al gruppo di metà classifica, il nostro obiettivo”.

condividi
commenti
Hamilton: accordo a 40 milioni ma prende tempo
Articolo precedente

Hamilton: accordo a 40 milioni ma prende tempo

Articolo successivo

F1, Istanbul, Libere 1: Verstappen sull'asfalto viscidissimo

F1, Istanbul, Libere 1: Verstappen sull'asfalto viscidissimo
Carica i commenti