Formula 1
24 ott
-
27 ott
Evento concluso
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
14 nov
-
17 nov
Evento concluso
28 nov
-
01 dic
Evento concluso

Tecnica F1: monoscocca lunga e cambio più corto per le F1 2019?

condividi
commenti
Tecnica F1: monoscocca lunga e cambio più corto per le F1 2019?
Di:
3 gen 2019, 14:22

I 5 kg di benzina in più che saranno disponibili quest'anno, imporranno la costruzione di telai più lunghi da 30 a 50 mm. Ci saranno monoposto che avranno un interasse più lungo (Ferrari, Haas e Sauber), mentre altre resteranno com'erano con una trasmissione più corta.

C’è un dato di fatto: per ogni chilo di benzina in più nel serbatoio la scocca di F1 si deve allungare di almeno 7 mm, il dato non è un valore assoluto, ma una media, considerato che la sezione dei telai nella zona di attacco al motore è una delle poche misure molto variabili da una vettura all’altra, in funzione delle esigenze di progetto...

E così si parla di un allungamento della monoscocca che può cambiare da 30 a 50 mm considerato che il regolamento tecnico 2019 permette di consumare nell’arco del GP 110 kg di benzina invece dei 105 concessi fino allo scorso anno, perché in realtà la capacità del serbatoio raggiungeva quasi i 115 kg.

Leggi anche:

Come mai? Perché bisogna avere a fine gara la quantità di carburante necessaria all’eventuale verifica FIA della benzina e i giri che precedono dalla formazione della griglia sono percorsi con un extra di carburante, visto che il conteggio del consumo scatta con il via della gara. 

Ma il carburante in più non serve a dare al pilota più potenza visto che il consumo istantaneo è rimasto di 105 kg/h, ma in realtà ci sarà più energia da spendere nell’arco del GP, in modo da evitare che i conduttori siano costretti a ricorrere alla guida in leggero rilascio nell’ultimo tratto dei rettilinei, per completare la distanza di gara senza il rischio di restare a… secco sulle piste dove il consumo è critico.

Non va dimenticato, però, che negli ultimi anni è costume in F1 di partire con meno benzina di quanto sarebbe necessario per concludere la corsa: partire con 10 kg in meno, infatti, permette di avere un passo medio più veloce di circa 0”3 al giro. 

Leggi anche:

È evidente che disporre di una monoposto più leggera al via del GP permette di avere prestazioni migliori e nel contempo consente una minore sollecitazione delle gomme che, in teoria, potrebbero avere un’usura minore tale da allungare il primo stint, ma è ovvio che questa strategia si deve pagare nella fase finale della gara con una riduzione del consumo di carburante e, quindi, del passo per arrivare alla bandiera a scacchi.

Fatte tutte queste premesse è da vedere se i chief designer preferiscono allungare anche il passo delle monoposto 2019 in funzione della maggiore lunghezza della scocca, oppure se puntano a mantenere un interasse identico a quello dello scorso anno, accorciando lo spacer della trasmissione.

La Mercedes che aveva già il passo più lungo con 3.726 mm (W08 e W09 avevano lo stesso interasse) potrebbe restare nelle misure del 2018, mentre la Ferrari potrebbe essere interessata a crescere dai 3.621 mm della SF71H, trascinandosi dietro anche Haas e Sauber.

Se la squadra americana sarà copia conforme della Rossa, dalla misura del passo non scapperà nemmeno la monoposto svizzera di Simone Resta e Luca Furbatto, dal momento che la C38 disporrà di motore e cambio del Cavallino, per cui anche il passo della vettura di Hinwil sarà condizionato dalla Ferrari.

Force India VJM11: ecco le estenzioni laterali della scocca

Force India VJM11: ecco le estenzioni laterali della scocca

Photo by: Giorgio Piola

Sarà interessante vedere cosa farà la Racing Point Force India che avrà l’identico retrotreno della Mercedes (power unit + cambio): l’anno scorso la VJM11 aveva un passo di 3.640 mm, che era risultato 126 mm più corto rispetto alla freccia d’argento.

Il direttore tecnico del team di Silverstone, Andy Green, l’anno scorso aveva scelto di avere una macchina più corta puntando su due estensioni del serbatoio di forma triangolare che si protendevano verso dietro, in una zona fra il motore e i radiatori, tornando a soluzioni del passato quando si vedevano delle monoposto a freccia, ancora negli Anni ’80. Ovviamente l’allargamento rispettava i criteri di sicurezza che negli anni la FIA ha saputo introdurre per evitare di rivedere il fuoco in caso di impatto. 

Leggi anche:

La Force India “corta” era dovuta alla mancanza di risorse per realizzare una macchina a passo lungo che impone superfici maggiori e, quindi, un inevitabile aumento di peso che va combattuto limando grammo dopo grammo ogni parte della vettura che va ridisegnata. Cosa di cui la Mercedes è diventata maestra, ma non è da escludere che con le risorse di Lawrence Stroll anche la Racing Point F1 possa accrescere anche il suo interasse.

La Toro Rosso che disporrà del motore Honda e di cambio e sospensioni Red Bull 2018 potrebbe accorciarsi un po’ visto che la RB14 era la F1 più compatta del Circus con 3.550 mm, mentre la STR13 era la seconda con il passo più lungo con 3.650 mm (100 mm in più della vettura 2017!). 

 
Articolo successivo
Fotogallery: la mostra "Michael 50" dedicata a Schumacher al Museo Ferrari di Maranello

Articolo precedente

Fotogallery: la mostra "Michael 50" dedicata a Schumacher al Museo Ferrari di Maranello

Articolo successivo

"Motorsport Heroes" – il film di Motorsport Network che racconta 5 storie di grandi piloti in un viaggio solo

"Motorsport Heroes" – il film di Motorsport Network che racconta 5 storie di grandi piloti in un viaggio solo
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Autore Franco Nugnes