Stroll: "Ho sottovalutato le conseguenze del COVID"

Il pilota canadese ha parlato degli strascichi della malattia, sia fisici che mentali, che lo ha costretto a saltare lo scorso GP dell'Eifel.

Stroll: "Ho sottovalutato le conseguenze del COVID"

Nel corso della passata stagione Lance Stroll è stato costretto a saltare il GP dell’Eifel a causa di uno stato influenzale ed ha lasciato il volante della sua Racing Point a Nico Hulkemberg.

Il canadese ha poi rivelato di aver contratto il COVID-19, ma di essere stato in grado di tornare alla guida in Portogallo dopo aver avuto esito negativo dal test effettuato.

Il ritorno in pista, però, non è stato dei migliori. A Portimao il pilota della Racing Point è stato costretto al ritiro a causa di un contatto con Lando Norris, mentre ad Imola ha chiuso in una anonima tredicesima posizione.

In occasione della presentazione della Aston Martin AMR21, Stroll è tornato a parlare della sua positività al coronavirus e di come abbia sottovalutato le conseguenze della malattia.

“Ero senza energie, sia fisiche che mentali. Credo di non aver considerato adeguatamente l’impatto che il virus ha avuto su di me e di quanto ho sofferto fisicamente in quelle gare”.

Lance ha poi avuto il suo momento di gloria in Turchia, quando in condizioni difficili di asfalto è riuscito a conquistare la prima pole in carriera, ma in precedenza è stato anche protagonista di un violento incidente al Mugello che, alla fine dei conti, è costato parecchi punti in classifica al team ed il terzo posto nel Costruttori.

“Dopo quel periodo difficile sono tornato in forma in Turchia. Purtroppo abbiamo perso molti punti, ma ho imparato molto da questa esperienza”.

“Di sicuro posso dire che il nostro finale di stagione ci ha visto in grande spolvero, ma credo che anche la concorrenza sia cresciuta nella parte conclusiva del campionato. Ad inizio anno, però, ci trovavamo in una posizione migliore e spesso con le nostre vetture abbiamo chiuso in quarta e quinta posizione, se non meglio”.

“Credo che anche quest’anno la lotta a centro gruppo sarà serrata. L’unica cosa che dobbiamo fare è restare concentrati e lavorare sodo”.

Stroll è soltanto uno dei tanti piloti che hanno contratto il COVID. Il suo compagno di team, Sergio Perez, è stato il primo pilota ad infettarsi ed è stato costretto a saltare due gare, mentre Lewis Hamilton non ha disputato il GP di Sakhir per poi tornare in occasione dell’ultima gara di Abu Dhabi decisamente lontano dal suo stato di forma ottimale.

Anche Lando Norris, Charles Leclerc e Pierre Gasly hanno contratto il COVID-19, ma nel corso della pausa invernale.

condividi
commenti
Ferrari F2007: l'ultima Campionessa del Mondo piloti
Articolo precedente

Ferrari F2007: l'ultima Campionessa del Mondo piloti

Articolo successivo

Aston Martin svela la nuova splendida safety car per la F1

 Aston Martin svela la nuova splendida safety car per la F1
Carica i commenti