Formula 1
03 lug
-
05 lug
Evento concluso
10 lug
-
12 lug
Evento concluso
G
GP 70° Anniversario
07 ago
-
09 ago
Prossimo evento tra
22 giorni
04 set
-
06 set
FP1 in
50 giorni
G
GP del Messico
30 ott
-
01 nov
FP1 in
107 giorni
G
GP del Brasile
13 nov
-
15 nov
FP1 in
121 giorni
G
GP da Abu Dhabi
27 nov
-
29 nov
FP1 in
134 giorni

Strategie: un pit per Mercedes e Red Bull, due per Ferrari

condividi
commenti
Strategie: un pit per Mercedes e Red Bull, due per Ferrari
Di:
14 lug 2019, 08:17

La squadra del Cavallino ha differenziato la tattica di gara puntando sulla mescola più morbida che sarebbe più congeniale per la SF90. Red Bull ambiziosa.

La Red Bull non ha fatto grandi proclami, ma le aspettative in vista della corsa sono si assicurarsi una posizione sul podio di Silverstone, e non necessariamente la più bassa. Max Verstappen, e a questo giro anche Pierre Gasly, scatteranno con gomme medie, e nel team sono assolutamente convinti che sarà la strategia migliore per coprire i 52 giri di gara.

Per le due Red Bull, così come per le Mercedes, la strategia sarà ad una sosta, senza dubbio. Partenza con le medie e successivo passaggio alle hard dopo un terzo di gara, ma con una certa flessibilità. 

Leggi anche:

Sia in Mercedes che in Red Bull ritengono impossibile, o comunque estremamente difficile, che la Ferrari possa completare la gara con una sola sosta, sostenendo che scattare con le soft costringerà in ogni caso ad un terzo stint, anche se nella fase centrale di gara monteranno le hard.

Red Bull ha una speranza ben precisa in merito alla possibilità di puntare al colpaccio, ed è quella che Bottas al via scatti al comando, con Hamilton pronto ad ingaggiare un confronto in grado di sollecitare oltre misura gli pneumatici. “Se Hamilton sfilerà al comando allora sarà difficile”, ha confessato Helmut Marko.

È vero che con le temperature molto basse registrate questo weekend a Silverstone, la Mercedes ha avuto il problema (paradossale, dopo le complicazioni legate al caldo patito a Spielberg) di faticare nel giro di warm-up, ma la gara è tutt’altra cosa, ed è oggi che Hamilton e Bottas sperano di raccogliere i frutti delle scelte di setup. 

Leggi anche:

Nel team campione del Mondo hanno più opzioni possibili anche se la gara dovesse confermare un degrado maggiore del previsto.

Hamilton (come Leclerc) ha a disposizione un nuovo set di hard ma anche un set nuovo di soft, mentre Bottas (come Vettel ed i due piloti Red Bull) dispone di un treno nuovo di medie.

Articolo successivo
Verstappen: "C'è un problema di risposta del turbo"

Articolo precedente

Verstappen: "C'è un problema di risposta del turbo"

Articolo successivo

Formula 1: 40 anni fa il primo successo "svizzero" della Williams con Clay Regazzoni

Formula 1: 40 anni fa il primo successo "svizzero" della Williams con Clay Regazzoni
Carica i commenti