Strategie F1: si punta a un pit, ma se sono due è favorito Verstappen

I team stanno studiando una gara con un solo cambio gomme passando dalle soft alle hard intorno al giro 25. La Pirelli indica, invece, come scelta più veloce quella delle due soste: soft, media dal giro 19 e poi ancora una rossa a 20 giri dalla fine. In questo caso Max potrebbe trarre un piccolo vantaggio essendo l'unico pilota fra i top che può disporre di un treno di rosse nuove.

Strategie F1: si punta a un pit, ma se sono due è favorito Verstappen

Una sosta o due? È questo l’interrogativo sul fronte strategia a poche ore dal via del Gran Premio di Spagna.

Le simulazioni della Pirelli, in linea con le scelte fatte dai top-team in qualifica, premiano la scelta di prendere il via con gomme soft. In caso di sosta singola, il secondo stint di gara è previsto con pneumatici hard, con pit-stop al giro numero 25. È questa la strategia più quotata nel paddock, vista la ritrosia delle squadre ad effettuare una seconda sosta.

La Pirelli giudica però più veloce la scelta con due pit-stop, che prevede l’utilizzo della media nello stint centrale. Il passaggio alla mescola ‘gialla’ è previsto al giro 19, per poi rimontare un set di soft a 20 giri dal termine.

Questa strategia porrebbe in una posizione ideale Max Verstappen, unico tra i piloti di vertice ad avere a disposizione un set di soft nuovo risparmiato ieri nella sessione Q2, che potrebbe tornare utile anche in caso di assalto finale al giro più veloce della corsa.

Per il resto la dotazione vede tutti i piloti possono contare su un treno di hard e medie nuove, mentre solo la Mercedes ha tenuto a disposizione un secondo set di ‘gialle’ (usate).

Il degrado dovrebbe essere più contenuto rispetto alle previsioni di ieri, a causa delle temperature più basse previste al via della gara. Le squadre monitoreranno molto il terzo settore, ovvero la zona del circuito di Catalunya che stressa maggiormente gli pneumatici, soprattutto i posteriori, per valutare l’usura e il momento ideale per il pit-stop.

condividi
commenti
Ferrari: quelle scelte sagge in funzione della gara
Articolo precedente

Ferrari: quelle scelte sagge in funzione della gara

Articolo successivo

GP di Spagna: la griglia di partenza

GP di Spagna: la griglia di partenza
Carica i commenti