Formula 1
G
GP del Portogallo
02 mag
Gara in
54 giorni
09 mag
Prossimo evento tra
57 giorni
G
GP del Canada
13 giu
Gara in
96 giorni
G
GP di Francia
24 giu
Prossimo evento tra
106 giorni
01 lug
Prossimo evento tra
113 giorni
G
GP di Gran Bretagna
15 lug
Prossimo evento tra
127 giorni
G
GP d'Ungheria
29 lug
Prossimo evento tra
141 giorni
G
GP del Belgio
26 ago
Prossimo evento tra
169 giorni
02 set
Prossimo evento tra
176 giorni
09 set
Prossimo evento tra
183 giorni
G
GP della Russia
23 set
Prossimo evento tra
197 giorni
G
GP di Singapore
30 set
Prossimo evento tra
204 giorni
G
GP del Giappone
07 ott
Prossimo evento tra
211 giorni
G
GP degli Stati Uniti
21 ott
Prossimo evento tra
225 giorni
G
GP del Messico
28 ott
Prossimo evento tra
232 giorni
G
GP dell'Arabia Saudita
03 dic
Prossimo evento tra
268 giorni
G
GP di Abu Dhabi
12 dic
Prossimo evento tra
277 giorni

Strategie F1: a Sochi un pit, ma con mescole diverse

Le simulazioni della Pirelli assicurano che il GP di Russia si disputerà con un solo cambio gomme perché la pista di Sochi genera un'usura limitata degli pneumatici. Chi parte con le soft si dovrà fermare in una finestra fra il 12 e il 15 giro: chi farà pit al dodicesimo giro dovrà montare le hard, mentre chi andrà oltre il quindicesimo giro potrebbe passare alle medie. Verstappen e Bottas cercheranno l'overcut su Lewis allungando il loro primo stint con le gialle.

Strategie F1: a Sochi un pit, ma con mescole diverse

Questa volta anche la Pirelli è concorde: il Gran Premio di Russia sarà una gara ad una sosta. I riscontri arrivati dalle simulazioni di venerdì hanno confermato un’usura molto contenuta, nonostante questo weekend i team abbiano a disposizione (per la prima volta nel 2020) le tre mescole più tenere della gamma.

Ci sono però alcuni scenari che meritano di essere analizzati, ad iniziare dal primo stint di gara. Chi scatterà con gomme soft (tutti nella top-10 ad esclusione di Bottas e Verstappen) potranno contare su uno stint di 12/15 giri.

I riscontri che arriveranno da questa fase di gara daranno alle squadre informazioni sulla mescola del secondo stint, una scelta che non è ancora così scontata. Secondo Pirelli un cambio al dodicesimo giro dovrebbe comportare l’utilizzo della hard nella seconda parte di corsa, chi invece riuscirà a protrarre il pit-stop fino al giro 15 o oltre, potrà considerare anche un set di medie.

Per Bottas e Verstappen (oltre ovviamente alla partenza) saranno cruciali i giri che percorreranno in più rispetto a chi scatta con le soft. Se Hamilton si confermerà al comando dopo la prima curva, la chance per Max e Valtteri sarà proprio la fase di corsa che separerà il pit-stop di Lewis dal loro. Se confermeranno un buon ritmo (o se si innescasse un regime di safety car) ci sarà la chance per provare un overcut.

La disponibilità di set nuovi vede Hamilton, Bottas e Verstappen con un solo treno di hard a disposizione, ma il terzetto dispone di un set di medie con solo due giri percorsi (quello montato prima della bandiera rossa nella Q2 di ieri). I long-run di venerdì hanno evidenziato un rendimento costante e veloce delle gomme gialle, e non è quindi scontato che la scelta nel secondo stint sia la hard, anche se resta la possibilità più quotata.

condividi
commenti
Ferrari: ecco la novità scoperta grazie al crash di Vettel!

Articolo precedente

Ferrari: ecco la novità scoperta grazie al crash di Vettel!

Articolo successivo

Renault: un nuovo cape per puntare al podio

Renault: un nuovo cape per puntare al podio
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Evento GP di Russia
Sotto-evento Race
Location Sochi Autodrom
Autore Roberto Chinchero