Formula 1
03 lug
-
05 lug
Evento concluso
10 lug
-
12 lug
Evento concluso
G
GP 70° Anniversario
07 ago
-
09 ago
Prossimo evento tra
21 giorni
04 set
-
06 set
FP1 in
50 giorni
G
GP del Messico
30 ott
-
01 nov
FP1 in
106 giorni
G
GP del Brasile
13 nov
-
15 nov
FP1 in
120 giorni
G
GP da Abu Dhabi
27 nov
-
29 nov
FP1 in
134 giorni

Steiner: "Col budget cap potremmo attrarre nuove Case"

condividi
commenti
Steiner: "Col budget cap potremmo attrarre nuove Case"
Di:
, Grand prix editor
27 mag 2020, 14:25

Il team principal della Haas ha commentato con Sky Sport F1 la sostenibilità che il Circus avrà quando diventerà attivo il budget cap: "Con il tetto dei costi qualche Costruttore potrebbe essere allettato all'idea di entrare in F1".

Gunther Steiner, team principal della Haas, ritiene che il budget cap in Formula 1 a partire dal 2021 renderà chiara la visione della serie per gli eventuali Costruttori interessati a entrare.

Il Consiglio Mondiale della FIA in questa settimana dovrà ratificare una serie di modifiche alle regole della F1, dopo che i team hanno concordato una serie di misure utili a salvare il campionato dopo la pandemia di COVID-19.

Il limite di spesa per il 2021 è stato ridotto da 175 milioni di dollari a 145 milioni e in parallelo entreranno in vigore delle norme che limiteranno in modo stringente sia lo sviluppo aerodinamico sia quello dei motori, imponendo anche l'uso di parti open-source.

Le novità dovrebbero assicurare la permanenza dei 10 team nel Circus, tanto più che il “New deal” imposto dal presidente della FIA, Jean Todt, dovrebbe assicurare un futuro sostenibile alla F1.

La Haas è stata l'ultima squadra nuova a entrare in F1 dal 2016, mentre i Costruttori impegnati ufficialmente sono sempre i soliti quattro: Ferrari, Mercedes, Renault e Honda.

Steiner ritiene che se la F1 in futuro saprà offrire un modello di business in pareggio, potrebbe attrarre l’attenzione di qualche Costruttore a entrare nella griglia.

"Adesso il quadro sarà molto più interessante. Dobbiamo spingere affinché possa diventare un’operazione in pareggio - ha detto Steiner su Sky Sports F1 - questo è uno dei miei compiti che devo portare avanti per Gene Haas, cercando di ridurre i suoi investimenti”.

“Quando si discute di un limite di budget, c’è sempre chi pensa da fuori che si possono trarre dei guadagni. In realtà la F1 resta una molto costosa. Se si vuole arrivare a fare dei risultati è necessario investire un sacco di soldi“.

"Ma penso che l’esistenza di un limite di costo possa spingere un consiglio di amministrazione a guardare alla F1, ben sapendo quale sarà la soglia di spesa da non superare. Perché finora chi entrava in F1 scopriva che il budget previsto all’inizio si è triplicato o quadruplicato in pochi anni, mentre ora il gioco sarebbe molto più chiaro”.

"Abbiamo intrapreso la strada giusta e spero che qualche Costruttore di auto decida di investire in Formula 1".

Steiner sostiene quanto sia fondamentale l’unità dei team per proteggere il futuro della F1.
"Alcuni dei team minori sarebbero saltati senza il budget cap e tutto questo non avrebbe aiutato i top team. Penso che si sia trovato un giusto compromesso, perché senza le squadre più piccole non esisterebbe la F1".

Articolo successivo
F1 sovrappeso: ci sono anche Ferrari e Red Bull?

Articolo precedente

F1 sovrappeso: ci sono anche Ferrari e Red Bull?

Articolo successivo

Video F1 Stories: ecco dove nascevano le Formula 1

Video F1 Stories: ecco dove nascevano le Formula 1
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Team Haas F1 Team
Autore Luke Smith