Sprint Qualifying: Pirelli spiega le regole di utilizzo delle gomme

L'azienda italiana ha chiarito i dubbi relativi all'allocazione ed alle regole di utilizzo degli pneumatici nelle 3 Sprint Qualifying. Per il GP della domenica cade l'obbligo di partire con le gomme usate per superare il Q2.

Sprint Qualifying: Pirelli spiega le regole di utilizzo delle gomme

L’annuncio della Sprint Qualifying arrivato nella giornata di ieri ha destato stupore e curiosità in merito alle tre gare da 100 Km che verranno sperimentate quest’anno ed il cui risultato andrà a determinare la griglia di partenza della corsa principale della domenica.

Si tratterà di una vera e propria rivoluzione per la Formula 1, seppur in via sperimentale dato che gli organizzatori del campionato hanno deciso per il 2021 di capire come piloti, team e pubblico reagiranno a questo nuovo format.

Uno dei grandi punti interrogativi emersi dopo l’annuncio di ieri ha riguardato l’allocazione delle gomme disponibili per ogni pilota nei weekend dove la Sprint Qualifying verrà disputata. A dirimere ogni dubbio è intervenuta Pirelli.

L’azienda italiana ha specificato come a Silverstone, Monza e nel terzo appuntamento che sarà individuato in seguito i piloti potranno contare su 12 set di slick invece dei 13 previsti per i weekend “tradizionali”. Ogni pilota avrà a disposizione 6 treni di Pirelli soft, 4 treni di medie e 4 treni di hard.

Per quel che riguarda gli pneumatici da bagnato la Casa italiana fornirà 4 set di intermedie e 3 di wet, in linea con quanto avviene già adesso, ma ogni pilota potrà godere di 1 set extra di Pirelli intermedie qualora le FP1, la FP2 o la qualifica si disputi sul bagnato.

Qualora la Sprint Qualifying del sabato si dovesse disputare sotto la pioggia verrà fornito un ulteriore set addizionale di intermedie.

Per quanto concerne l'utilizzo degli pneumatici nel corso del weekend di gara, il regolamento prevede attualmente le seguenti disposizioni:

  • Prove libere: per le FP1 ciascun pilota dovrà utilizzare 2 set di libera scelta e restituirne 1 a Pirelli al termine della sessione, mentre per le FP2, prevista al sabato, i piloti avranno libera scelta sul numero di set da utilizzare.
  • Qualifiche: dovranno essere utilizzati esclusivamente pneumatici P Zero Red Soft fino ad un massimo di 5 set, di cui 1 da utilizzarsi solo in Q3. I piloti non saranno obbligati a prendere il via al Gran Premio di domenica con gli pneumatici con cui hanno superato il Q2 ma avranno scelta libera di pneumatici al via.
  • Sprint Qualifying: ciascun pilota potrà scegliere liberamente gli pneumatici da utilizzare restituendo a Pirelli il set che avrà effettuato il maggior numero di giri al termine della Sprint Qualifying. A differenza del Grand Prix della domenica, per la Sprint Qualifying non vige l’obbligo di pit-stop. Se la Sprint Qualifying si dovesse correre in condizioni di bagnato i piloti dovranno restituire un set di pneumatici wet o intermedi e Pirelli fornirà loro un extra set di pneumatici Cinturato Green Intermediate.
  • Gran Premio: dopo aver iniziato la gara con pneumatici di libera scelta, quindi senza il vincolo di partire con quelli utilizzati per superare la Q2, ciascun pilota potrà scegliere la strategia che preferisce, fermo restando l'obbligo di fare almeno un pit-stop e di utilizzare almeno due mescole diverse. Resta comunque valida, come per tutti i Gran Premi, la regola dei 2 set obbligatori indicati da Pirelli e che ciascun pilota deve tenere a disposizione per il Gran Premio.
condividi
commenti
Brawn: "La Sprint Qualifying non si disputerà ad ogni GP"

Articolo precedente

Brawn: "La Sprint Qualifying non si disputerà ad ogni GP"

Articolo successivo

Alesi a Monaco: ecco com'è stato realizzato l'inedito camera car

Alesi a Monaco: ecco com'è stato realizzato l'inedito camera car
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Autore Marco Di Marco