Si aggrava la posizione di Bernie Ecclestone

Si aggrava la posizione di Bernie Ecclestone

Ieri ha ammesso di aver pagato alcuni team principal per firmare il Patto della Concordia nel 1998

Ieri Bernie Ecclestone è comparso davanti all'Alta Corte di Londra e la sua posizione sembra essersi aggravata riguardo all'accusa corruzione rimediata per aver pagato il banchiere tedesco Gerhard Gribkowsky per favorire la vendita dei diritti della Formula 1 dalla Constantin Medien alla CVC. Mister E ha continuato a ribadire che in realtà quella di Gribkowsky è stata un'estorsione e di averlo pagato solamente per evitare che gli potesse evitare dei guai con il fisco, ma gli avvocati della società tedesca hanno fatto emergere un altro caso di corruzione di cui si era reso protagonista il grande boss del Circus. Bernie ha infatti ammesso di aver versato 10 milioni di dollari ad Eddie Jordan, Alain Prost e Tom Walkinshaw per fare in modo che le loro squadre firmassero il Patto della Concordia del 1998. Bonifici che sarebbero stati effettuati sui conti personali dei team principal e non su quelli delle loro squadre. Ma non è tutto, perchè ora pare che sia venuto alla luce anche un esposto presentato da Gribkowsky alla polizia di Monaco, nel quale quest'ultimo spiegava di sentirsi sotto minaccia fisica da parte di Ecclestone. Insomma, vista la piega che sta prendendo la situazione, sembra proprio che i giorni alla guida del Circus possano avviarsi verso la conclusione per Mister E.

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Articolo di tipo Ultime notizie