Sauber, decima tra i costruttori, pensa positivo per il futuro

Nell’ultimo round di Abu Dhabi, la scuderia elvetica si è avvicinata nuovamente alla zona punti, ottenendo un 14esimo posto con Pascal Werhlein. Marcus Ericsson, favorito alla riconferma 2018, ha concluso invece 17esimo.

Sauber, decima tra i costruttori, pensa positivo per il futuro
Marcus Ericsson, Sauber C36
Pascal Wehrlein, Sauber C36-Ferrari
Marcus Ericsson, Sauber C36
Marcus Ericsson, Sauber C36
Marcus Ericsson, Sauber
Pascal Wehrlein, Sauber walks the track
Pascal Wehrlein, Sauber C36
Pascal Wehrlein, Sauber C36
Pascal Wehrlein, Sauber C36
Pascal Wehrlein, Sauber C36

Nell’ultimo round di Abu Dhabi del Campionato del Mondo di Formula 1 targato 2017 la Sauber si è avvicinata nuovamente alla zona punti ottenendo un 14esimo posto con Pascal Werhlein. Marcus Ericsson, favorito alla riconferma peri il 2018, ha concluso invece 17esimo. Ma qual è stato il bilancio "emozionale" della trasferta dell'équipe svizzera negli Emirati Arabi Uniti? 

 

“Mi sono divertito”, ha confidato Pascal Werhlein, all’indomani dell’ultimo Gran Premio di Formula 1 targato 2017. 

“Lo start è stato buono e la mia performance si è mantenuta costante, tanto da consentirmi di risalire fino al centro gruppo. Con Magnussen, giusto davanti a me, ho ingaggiato una bella ed intensa battaglia. Purtroppo, però, nei rettilinei mi è stato impossibile stargli vicino. Ad ogni modo mi ha fatto piacere vivere un finale così ricco d’azione”. 

 

“È stata una gara difficile. Sono partito bene, ma alla prima curva sono finito largo e ho perso tempo. Da quel momento, per tutto il primo stint ho faticato. Non riuscivo a tenere il passo”, ha raccontato lo svedese. “Dopo il pit-stop, invece, il bilanciamento è migliorato e ho potuto tornare a spingere. Nella seconda parte ho recuperato lo svantaggio sui diretti avversari, però su questo tracciato sorpassare è complicato”. 

“Abbiamo fatto una corsa discreta”, ha analizzato infine il team principal Frédéric Vasseur. 

 

“Pascal si è reso protagonista di un’ottima progressione ed è riuscito a prendere Kevin, salvo poi perderlo sul dritto. Quello di Marcus è stato invece un GP okay, sebbene abbia sofferto con il balance. Nel complesso gli ultimi appuntamenti ci hanno visto progredire. Ora dobbiamo focalizzarci sul 2018 e costruire partendo proprio dai recenti passi avanti”.

condividi
commenti
Lowe: "E' chiaro che Stroll debba fare un bel passo avanti nel 2018"
Articolo precedente

Lowe: "E' chiaro che Stroll debba fare un bel passo avanti nel 2018"

Articolo successivo

Horner: "Mercedes può alzare o abbassare i tempi di mezzo secondo!"

Horner: "Mercedes può alzare o abbassare i tempi di mezzo secondo!"
Carica i commenti