Russell: "Lottare con Vettel mi ha aiutato a migliorare"

George Russell dice che lottare con Sebastian Vettel ruota a ruota l'anno scorso lo ha aiutato a migliorare notevolmente come pilota di Formula 1.

Russell: "Lottare con Vettel mi ha aiutato a migliorare"

Con il team Williams di Russell che ha fatto buoni progressi, e Vettel in difficoltà su una Ferrari poco competitiva, i due piloti sono finiti in pista l'uno accanto all'altro per un bel po' di tempo nel corso del 2020.

E Russell ritiene che l'esperienza di vedere come il quattro volte campione ha reagito nella foga della battaglia sia stata una grande esperienza di apprendimento, insieme alle altre lotte che ha avuto con i piloti Haas e Alfa Romeo.

"Sono migliorato come pilota, drasticamente, perché siamo stati in battaglia ruota a ruota per tutta la stagione con Alfa Romeo, Haas, e spesso con Vettel", ha detto Russell a Motorsport.com in un'intervista in cui rifletteva sulla scorsa stagione.

"Ne ho parlato di recente, e Sebastian, probabilmente è il pilota con cui ho combattuto di più in questa stagione".

"Quando ripenso al Nurburgring, al Mugello, all'Austria all'inizio dell'anno. Anche da Abu Dhabi ci sono stati alcuni giri di battaglia. Portimao, forse? Imola, forse? Siamo stati insieme in pista tutta la stagione, cosa che, se me l'avessi detto a metà dello scorso anno, avrei pensato che fossi assolutamente fuori di testa".

"Quindi quell'esperienza battagliando ruota a ruota su una vettura di Formula 1, mi ha aiutato molto - perché è diverso. È molto diversa dalle formule junior, perché la downforce è davvero sofisticata".

Leggi anche:

"Quando si perde la downforce, la vettura si trasforma. E imparare ad affrontarla è stato fantastico per me. Ovviamente, mi ha dato l'opportunità, quando sono salito sulla Mercedes, di essere davvero sul pezzo quando stavo rimontando".

Russell ha detto che l'esperienza di apprendimento nel 2020 è stata particolarmente preziosa perché spesso si è trovato, grazie alle brillanti prestazioni in qualifica, più in alto in classifica di quanto il ritmo della vettura normalmente giustificherebbe.

Alla domanda su cosa pensa di dover migliorare nel 2021, ha risposto: "Spesso ci siamo trovati fuori posizione e abbiamo dovuto lottare con auto più veloci, il che naturalmente lo rende difficile, perché sono sempre sulla difensiva".

"Mi è capitato solo una volta di essere all'attacco. Ed è stato quando ero in Mercedes. Questo non fa altro che trasformare la tua sicurezza come pilota".

"Quindi, sono realista sapendo che siamo una delle vetture più lente, sarà sempre difficile, perché non hai lo stesso grip delle altre squadre. Ma si tratta di piccoli dettagli, cercando di lavorare continuamente per migliorare".

condividi
commenti
Suzuki conferma l'addio di Brivio: andrà in F1 con Alpine
Articolo precedente

Suzuki conferma l'addio di Brivio: andrà in F1 con Alpine

Articolo successivo

Motorsport Images supporta la Ferrari nel Commemorativo 1000th GP Celebration Book

Motorsport Images supporta la Ferrari nel Commemorativo 1000th GP Celebration Book
Carica i commenti