Formula 1
02 lug
-
05 lug
Gara in
02 Ore
:
02 Minuti
:
54 Secondi
G
GP di Stiria
09 lug
-
12 lug
Prove Libere 1 in
4 giorni
G
GP 70° Anniversario
06 ago
-
09 ago
Prossimo evento tra
31 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
FP1 in
117 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
FP1 in
131 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
FP1 in
144 giorni

Russell: "I primi 5 giri al simulatore sono stati tremendi"

condividi
commenti
Russell: "I primi 5 giri al simulatore sono stati tremendi"
Di:
27 giu 2020, 16:00

Il pilota della Williams ha parlato delle difficoltà che ha incontrato una volta tornato a guidare al simulatore ma ha anche affermato di non aver dimenticato come si porta al limite una monoposto di F1.

Dopo aver trascorso il periodo del lockdown impegnato in gare virtuali, George Russell avrà la possibilità di tornare a sedersi al volante di una monoposto reale soltanto la prossima settimana quando scatterà finalmente la stagione 2020 di Formula 1.

Il talento inglese ha avuto modo di provare il simulatore in fabbrica, decisamente più reale delle gare al pc, e dopo un breve periodo di riadattamento sta ritrovando la confidenza con tutte le procedure richieste da una monoposto di Formula 1.

Nel corso del vodcast della F1, Russell ha dichiarato: “I miei primi 5 giri sono stati assolutamente terribili, ma al dodicesimo passaggio sono immediatamente andato più veloce rispetto a quanto fatto in precedenza in Australia. Ho utilizzato lo stesso tracciato e lo stesso assetto, ma sono rimasto impressionato da quanto sono riuscito a migliorarmi”.

Russell ha però confidato che la parte più difficile del ritorno al simulatore è stata quella relativa ai vari aspetti da gestire nel corso della gara.

“Mi è servito un po' di tempo per riabituarmi a tutte le procedure ed al modo di lavorare con i miei ingegneri. La sfida più grande è stata quella di indicare i feedback esatti, di guidare in una certa maniera nel corso dell’out lap o nel giro di raffreddamento”.

 “Non ho dimenticato però come si porta al limite una monoposto. Credo che sia come andare in bicicletta, o sei capace o non lo sei, ma quando arrivi in gara devi gestire le gomme, i freni, le temperature del motore, devi attaccare, devi difenderti, cambiare le mappe del motore, parlare agli ingegneri”.

“Questo è senza dubbio l’aspetto più complesso del ritorno in macchina e ovviamente serve del tempo per togliersi di dosso la ruggine”.

“Ho riflettuto molto sui miei appunti, su come mi stavo preparando per l'Australia, su come ho concluso Abu Dhabi l'anno scorso, quando su come devo avvicinarmi alla gara. Incrocio le dita ma dovremmo essere in una buona posizione”.

Russell ha conquistato il titolo nel campionato virtuale organizzato dalla Formula 1 ed ha voluto sottolineare come, nonostante il gioco sia decisamente lontano dalla realtà, l’allenamento si sia rivelato utile.

“All’inizio ho avuto un approccio leggero, pensavo fosse solo un gioco, ma presto ho compreso che tutti coloro che ci partecipavano erano dannatamente veloci e competitivi. In quel momento ho capito che non avrei potuto prendere alla leggera una cosa simile”.

“Ho così deciso di impegnarmi, di lavorare sulle gare, e facendo così sono riuscito ad essere subito competitivo. Il campionato virtuale mi ha anche dato modo di restare in forma dato che ci sono molti aspetti simili con le corse reali”.

“Devi affrontare le qualifiche ed hai soltanto tre giri a disposizione. Se sbagli ti trovi a partire in fondo alla griglia e la pressione aumenta. Puoi provare la simulazione di qualifica durante le libere, ma quando ti trovi nel momento decisivo non puoi commettere errori”.

“Anche il momento della partenza è decisamente complicato da gestire. Ti trovi circondato dalle altre auto, devi essere perfetto nello stacco frizione e l’ansia aumenta. Le similitudini con le gare reali sono molte e sicuramente questo tipo di allenamento non può che far bene”.

Scorrimento
Lista

George Russell, Williams FW43

George Russell, Williams FW43
1/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

George Russell, Williams FW43

George Russell, Williams FW43
2/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

George Russell, Williams FW43

George Russell, Williams FW43
3/22

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

George Russell, Williams Racing

George Russell, Williams Racing
4/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

George Russell, Williams Racing

George Russell, Williams Racing
5/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

George Russell, Williams Racing

George Russell, Williams Racing
6/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

George Russell, Williams FW43

George Russell, Williams FW43
7/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

George Russell, Williams FW43

George Russell, Williams FW43
8/22

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

George Russell, Williams FW43

George Russell, Williams FW43
9/22

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

George Russell, Williams FW43

George Russell, Williams FW43
10/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

George Russell, Williams FW43

George Russell, Williams FW43
11/22

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

George Russell, Williams FW43

George Russell, Williams FW43
12/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

George Russell, Williams FW43

George Russell, Williams FW43
13/22

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

George Russell, Williams FW43

George Russell, Williams FW43
14/22

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

George Russell, Williams FW43

George Russell, Williams FW43
15/22

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

George Russell, Williams Racing

George Russell, Williams Racing
16/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

George Russell, Williams FW43

George Russell, Williams FW43
17/22

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

George Russell, Williams FW43

George Russell, Williams FW43
18/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

George Russell, Mercedes AMG F1, pit board

George Russell, Mercedes AMG F1, pit board
19/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

George Russell, Williams

George Russell, Williams
20/22

Foto di: Williams

George Russell, Williams FW43

George Russell, Williams FW43
21/22

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

George Russell, Williams Racing

George Russell, Williams Racing
22/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Articolo successivo
Lewis contro Ecclestone: "Parole ignoranti. F1 è così a causa sua"

Articolo precedente

Lewis contro Ecclestone: "Parole ignoranti. F1 è così a causa sua"

Articolo successivo

Report F1: quali sorprese ci riserva il GP d'Austria?

Report F1: quali sorprese ci riserva il GP d'Austria?
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Piloti George Russell
Team Williams
Autore Adam Cooper