Ricciardo, stoccata a Marko: "Rinnovo? Non ancora. Peccato non sia Mateschitz a decidere chi corre nel team!"

condividi
commenti
Ricciardo, stoccata a Marko:
Giacomo Rauli
Di: Giacomo Rauli
02 lug 2018, 10:07

Daniel non è contento del risultato del GP d'Austria e non è riuscito a capire perché la Red Bull sia andata così forte in gara. In più ha ammesso quanto sia più facile parlare e trattare con Mateschitz rispetto a Marko.

Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB14, con del fumo dal motore
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB14 e Kimi Raikkonen, Ferrari SF71H
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB14
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB14, lotta con Kimi Raikkonen, Ferrari SF71H
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing, esce dalla sua monoposto dopo il ritiro

Il giorno del 29esimo compleanno non entrerà di diritto tra quelli più belli nella memoria di Daniel Ricciardo. L'australiano è stato costretto al ritiro nella seconda parte di gara del Gran Premio d'Austria a causa di un guasto sulla sua RB14, mentre il compagno di squadra Max Verstappen ha centrato la prima vittoria stagionale, nonché la quarta della sua carriera in Formula 1.

A sorprendere sono state le prestazioni delle monoposto ideate da Adrian Newey. Eppure il venerdì sembravano molto lontane sia sul giro secco che sul passo gara, ma ieri hanno svelato un passo eccellente, che ha permesso all'olandese di vincere la sua prima gara nel 2018.

"Non ho capito nulla del perché venerdì le nostre monoposto non avevano passo mentre in gara lo abbiamo avuto. Dopo 29 anni devo ammettere di non aver capito proprio niente. E' molto strano", ha dichiarato a fine gara Ricciardo, il quale non ha perso il sorriso nonostante l'amaro ritiro.

Leggi anche:

"Anche Mercedes non sono andate forte. Ok, Bottas ha avuto problemi, ma anche Lewis non è andato forte, poi Lewis non è entrato ai box sotto regime di Virtual Safety Car. Poi la sua velocità non era buona. E' stato un casino. Per Max e il team è stata un buon fine settimana, ma per gli altri è stato molto strano".

Impossibile ignorare l'argomento rinnovo. Ormai Daniel è lanciato verso la permanenza in Red Bull dopo essere stato corteggiato da più team, tra i quali Ferrari, McLaren e Renault. Tutto fatto? A giudicare dalle parole del diretto interessato non sembra affatto.

Daniel, mentre ha affermato di non aver ancora firmato nulla, non ha risparmiato anche una piccola stoccata a Helmut Marko, che di fatto costruisce la line up piloti del team Red Bull.

"Ho parlato con il grande capo domenica (DIetrich Mateschitz, ndr). Lui è una persona che mi piace molto. Peccato che non sia lui a fare il team da solo... (ride). Con lui è più facile parlare. Per chiudere l'accordo con la Red Bull dovremo parlare ancora un po'. Vediamo. Non è ancora fatta".

Articolo successivo
Wolff: "Lo stratega Vowles non si tocca: ha sbagliato ma la Mercedes è una squadra"

Articolo precedente

Wolff: "Lo stratega Vowles non si tocca: ha sbagliato ma la Mercedes è una squadra"

Articolo successivo

GP di Gran Bretagna: la FIA ha deciso di aggiungere la terza zona DRS anche a Silverstone

GP di Gran Bretagna: la FIA ha deciso di aggiungere la terza zona DRS anche a Silverstone
Carica i commenti