Ricciardo: "Occhio a sottovalutare Ocon"

condividi
commenti
Di:
12 feb 2020, 17:57

Daniel Ricciardo, a margine della presentazione della Renault R.S.20 di Formula 1, ci parla di quello che si aspetta nel suo secondo campionato del mondo con il team francese. L'australiano, in aggiunta, dichiara che sarebbe un errore partire sottovalutando un pilota come Esteban Ocon, suo nuovo compagno

La macchina non si è vista, ma per Daniel Ricciardo non è un problema. Il pilota Renault si dimostra fiducioso per la sua seconda stagione alla guida della monoposto francese, nonostante un 2019 in cui le aspettative sono state ridimensionate gara dopo gara, quando è diventato chiaro a tutti che la R.S.19 non sarebbe stata l'arma definitiva capace di riportare la "teiera gialla" sul podio.

"Non abbiamo l'auto qui oggi, mi dispiace, ma tra sette giorni la vedremo in pista. Quest'anno mi aspetto qualcosa di più dell'anno scorso. Sarà più facile con il team, visto che abbiamo già un anno di esperienza alle spalle. Sono pronto per attaccare da subito: la macchina sarà diversa, il frontale era un problema per noi lo scorso anno, spero i tenici abbiano fatto abbastanza per recuperare velocità".

Daniel, poi, ci parla del suo nuovo compagno di team: Esteban Ocon, infatti, è il grande acquisto Renault per questa - e le prossime - annate, dal momento che il francese ex Mercedes ha firmato un contratto pluriennale che lo legherà al team di Viry per le prossime stagioni.

"Con Esteban, prevedo una buona rivalità. È un ragazzo talentuoso e veloce, ma io credo in me stesso e so affrontare un duello. Se lo sottovalutassi, sbaglierei. Con lui, siamo una squadra e ci spingiamo al massimo cercando di migliorare anche Renault", conclude Daniel.

 

 

Presentazione Alpha Tauri: appuntamento il 14 febbraio su Motorsport.com

Articolo precedente

Presentazione Alpha Tauri: appuntamento il 14 febbraio su Motorsport.com

Articolo successivo

Ocon: "Lottare con Verstappen? In futuro..."

Ocon: "Lottare con Verstappen? In futuro..."
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Evento Presentazione Renault
Autore Marco Congiu