Ricciardo: "Le qualifiche sono state il mio punto debole nel 2017"

condividi
commenti
Ricciardo:
Di: Lawrence Barretto
Tradotto da: Matteo Nugnes
14 dic 2017, 10:27

Il pilota della Red Bull, Daniel Ricciardo, ha ammesso che la qualifica è stata il suo punto debole durante la stagione 2017 della Formula 1, perché non è riuscito ad eguagliare le prestazioni dell'anno precedente.

Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB13
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB13
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB13
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing nella foto di gruppo del team Red Bull Racing
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB13

L'australiano ha trionfato a Baku, ma ha ottenuto 56 punti in meno rispetto al 2016 e soprattutto ha chiuso il Mondiale al quinto posto, due posizioni più indietro.

Le qualifiche sono state tradizionalmente un punto di forza dell'australiano, ma nel 2017 ha faticato ad avere la meglio sul compagno di squadra Max Verstappen.

"Sono sempre stato considerato un pilota del sabato, ora invece sento che probabilmente dovrei essere considerato un pilota della domenica" ha detto Ricciardo a Motorsport.com. "Chi l'avrebbe mai detto?".

"Non direi che ho faticato con la macchina, ma ho avuto delle difficoltà a tirare fuori il massimo".

"Ci sono stati molti episodi al sabato... Ho sbattuto due volte in qualifica, che è molto insolito, anche su piste complicate come in Australia e a Baku".

"Per qualche ragione, Max ha trovato meno difficoltà all'inizio dell'anno. Probabilmente sono stato un po' troppo anche a questo".

"Un sacco di volte sarebbe stato meglio dire 'fanc**o' e pensare solo a guidare, senza cercare più grip o fare fine tuning".

Ricciardo ha detto che quando lui ed il team hanno deciso di non stare ad impazzire dietro alle modifiche, le cose hanno iniziato a migliorare, ma poi sono tornate alla vecchia routine.

"Siamo arrivati ad un punto in cui abbiamo iniziato a pensare che la macchina non sarebbe mai stata perfetta e che dovevamo conviverci".

"Così ho disputato delle buone qualifiche. Poi forse siamo tornati a bloccarci nei nostri vecchi schemi. Un peccato, perché quest'anno ci sono state diverse FP2 in cui ero al top".

"In passato, se eravamo veloci nelle libere, non toccavamo la macchina. Se sentivamo di avere qualcosa di buono, che senso aveva cambiare?".

"Poi arrivavano le qualifiche, la pista si evolveva ed andavamo peggio. Quindi eravamo un po' presi alla sprovvista".

"C'è stato un grande processo di apprendimento quest'anno. Ma ora conosciamo le ragioni. Ecco perché sono fiducioso che l'anno prossimo le cose miglioreranno".

Prossimo articolo Formula 1
Toro Rosso: adattarsi al layout del motore Honda sarà una grande sfida

Previous article

Toro Rosso: adattarsi al layout del motore Honda sarà una grande sfida

Next article

Renault: bene il motore termico 2018, in ritardo l'ibrido

Renault: bene il motore termico 2018, in ritardo l'ibrido

Su questo articolo

Serie Formula 1
Piloti Daniel Ricciardo
Team Red Bull Racing
Autore Lawrence Barretto
Tipo di articolo Ultime notizie