Formula 1
G
GP di Stiria
09 lug
-
12 lug
Prossimo evento tra
6 giorni
G
GP 70° Anniversario
06 ago
-
09 ago
Prossimo evento tra
34 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
FP1 in
120 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
FP1 in
134 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
FP1 in
148 giorni

Ricciardo: "Con almeno 10 GP, campione legittimo"

condividi
commenti
Ricciardo: "Con almeno 10 GP, campione legittimo"
Di:
25 giu 2020, 14:40

Daniel Ricciardo si è detto convinto che basterebbe disputare almeno 10 gare per incoronare un legittimo campione del mondo di Formula 1 nel 2020.

Attualmente, sono previste otto gare per la ripresa della stagione 2020, ma al momento dell'annuncio del calendario provvisorio, i vertici della Formula 1 hanno detto di sperare di poter ancora arrivare a disputare fino a 18 gare entro la fine di dicembre.

Le otto gare già annunciate si concluderanno con il Gran Premio d'Italia, fissato per il 6 settembre a Monza, con altre due sedi italiane, Mugello ed Imola, che stanno facendo pressione per ottenere le tappe successive.

Parlando nell'ultimo podcast del Gran Premio d'Australia, Ricciardo ha spiegato che in questo momento il numero "magico" secondo lui è il 10.

Secondo lui, bastarebbero per dichiarare la stagione "legittima" ed avere un campione del mondo che non abbia bisogno di un asterisco accanto al suo nome.

"In questo momento, direi che sarebbe legittimo" ha detto il pilota della Renault.

Leggi anche:

"Se facessimo solo quattro o cinque gare, forse non lo sarebbe. Ma se facciamo qualcosa tipo 10 gare, o oltre, ci sarebbero abbastanza gare per capire chi è il campione".

"Ovviamente, l'atmosfera intorno al paddock sarà diversa senza tifosi, almeno per la prima parte della stagione, ma la realtà è che a correre poi saremo sempre noi: sempre gli stessi piloti e le stesse vetture. Quindi la competizione non cambierà".

Pur essendo entusiasta di tornare a correre dopo l'inusuale lungo stop, Ricciardo ha ammesso che c'è una cosa che invece lo entusiasma molto meno: il test della positività al COVID-19.

"Una cosa di cui sono sicuro, perché l'ho già sperimentato, è il test COVID con il tampone per il naso... Non è divertente" ha aggiunto.

"E probabilmente dovremo farlo altre 30 volte quest'anno. Non mi è piaciuto affatto e ora che so com'è, non è di certo una delle cose che non vedo l'ora di rifare".

Articolo successivo
Fotogallery: il filming day Red Bull senza Verstappen

Articolo precedente

Fotogallery: il filming day Red Bull senza Verstappen

Articolo successivo

F1 Stories: Jochen Rindt, campione anche nella morte

F1 Stories: Jochen Rindt, campione anche nella morte
Carica i commenti