Retroscena Ferrari: ecco perché l'allarme turbo è rientrato!

condividi
commenti
Retroscena Ferrari: ecco perché l'allarme turbo è rientrato!
Di:
10 giu 2017, 08:16

I tecnici del Cavallino hanno individuato il punto di debolezza del sistema di sovralimentazione della Rossa dopo il Bahrain e hanno aggiornato i turbo omologati dopo, mentre quelli utilizzati in precedenza saranno montati solo in prove libere.

Sebastian Vettel, Ferrari SF70H saluta i tifosi
Kimi Raikkonen, Ferrari SF70H
Sebastian Vettel, Ferrari
Ferrari SF70H, detail
Kimi Raikkonen, Ferrari

Dopo le prime cinque gare stagionali sulla monoposto di Vettel è stato montato il turbo numero 4 (ovvero il numero limite consentito per l’intera stagione) ed anche Raikkonen ha rapidamente raggiunto quota tre.

L’eventualità di incorrere nelle sanzioni previste dal regolamento tecnico (cinque posizioni di penalità da scontare sulla griglia di partenza della gara in cui viene omologato l’elemento numero 5) era data ormai per scontata.

A Maranello sono corsi ai ripari, lavorando su due fronti. Identificato il problema, sui turbo omologati dopo il Gran Premio del Bahrain è stato risolto l’inconveniente che ha causato i problemi, e parallelamente è stato pianificato un programma di rotazione che secondo i tecnici del Cavallino potrebbe permettere di concludere la stagione.

Ad esclusione del turbo che ha ceduto sulla monoposto di Raikkonen in Bahrain, le unità precedenti la modifica correttiva sono comunque ancora utilizzabili, anche se a forte rischio di affidabilità. E’ realistico pensare che questi turbo siano utilizzati nelle prove libere, montando poi in qualifiche e gara a rotazione le versioni più aggiornate.

I turbo già omologati non potranno usufruire di sviluppi prestazionali, e questa rappresenta una restrizione, ma non ci sono limitazioni legate allo sviluppo delle altre componenti della power unit, che saranno compatibili con i turbo attuali.

Solo Raikkonen, che può montare ancora un quarto componente, potrà utilizzare un eventuale turbo evoluto, sempre che a Maranello decidano di investire risorse in questa direzione.

Wolff: "Non pensavamo che la Ferrari fosse così forte, ci ha sorpreso!"

Articolo precedente

Wolff: "Non pensavamo che la Ferrari fosse così forte, ci ha sorpreso!"

Articolo successivo

Red Bull: la RB13 di Ricciardo è un laboratorio di nuove soluzioni

Red Bull: la RB13 di Ricciardo è un laboratorio di nuove soluzioni
Carica i commenti