Renault: motore sotto... controllo e scarico soffiante sulla R.S.18

La squadra di Enstone aspetta la seconda sessione di test a Barcellona per verificare il buon potenziale che si è visto al debutto della R.S.18: il motore non ha dato problemi e la macchina sembra un importante salto in avanti rispetto al 2017.

Renault: motore sotto... controllo e scarico soffiante sulla R.S.18

La Renault guarda con fiducia al secondo turno di test collettivi che cominceranno domani a Barcellona: nel team di Enstone hanno avuto la conferma che la R.S.18 rappresenta un importante passo avanti rispetto alla monoposto dello scorso anno.

Nico Hulkenberg, Renault Sport F1 Team RS18
Nico Hulkenberg sulla Renault R.S.18: dall'alto si osservano i complessi bargeboard durante i test aerodinamici

Photo by: Sam Bloxham / LAT Images

I tecnici diretti da Bob Bell hanno cercato una buona correlazione fra i dati raccolti dalla pista e quelli della factory, dal momento che la R.S.18 è la prima monoposto che nasce sfruttando la rinnovata galleria del vento e il nuovo reparto CFD che sono entrati nella piena funzionalità, dopo che Cyril Abiteboul aveva avviato un piano di trasformazione totale di una squadra che nell'epoca Lotus era incapace di fare degli investimenti per cui la struttura non era altro che quella lasciata da Flavio Briatore, nella precedente gestione Renault di Enstone.

E' chiaro che la R.S.18 mostra un potenziale di fuoco, specie nello sviluppo durante la stagione, che ne dovrebbe farne una delle sorprese di questo Campionato. Del resto basta guardare dall'alto la complessità delle bargeboard per dire che Nick Chester, capo progettista, ha potuto contare su un rinnovato contributo degli aerodinamici.

Nico Hulkenberg, Renault Sport F1 Team RS18
Renault Sport R.S.18: ecco il termnale di scarico inclinato per provare a sfruttare il soffiaggio dei gas roventi 

Photo by: Mark Sutton

Per esempio non è passato inosservato lo scarico centrale leggermente inclinato verso l'alto che dovrebbe consentire un minimo soffiaggio dei gas di scarico sebbene sia stato vietata l'adozione del Monkey seat montato sulla struttura deformabile del cambio che agiva da deviatore di flusso dei gas caldi utili a migliorare l'efficienza sotto al profilo principale dell'ala posteriore e dell'estrattore.

Renault Sport F1 Team R.S. 18, dettaglio della sospensione anteriore
Renault Sport F1 Team R.S. 18, dettaglio della sospensione anteriore con il controllo idraulico del terzo elemento

Photo by: Giorgio Piola

Anche il primo approccio con la sospensione anteriore dotata del terzo elemento idraulico ha dato dei riscontri positivi: l'idea è di cercare di... controllare l'altezza da terra per stabilizzare il comportanento della monoposto in modo da generare più carico con il corpo della vettura.

I piloti Nico Hulkenberg e Carlos Sainz si sono un po' lamentati del comportamento naturalmente sottosterzante della R.S.18, specie nelle curve lente, rivelando una caratteristica che si era già vista sulla macchina dello scorso anno.

Carlos Sainz, Renault Sport F1 Team R.S.18
Carlos Sainz sulla Renault R.S.18 nei test di Barcellona con le gomme a mescola Soft.

Photo by: Steven Tee / LAT Images

Anche se i volti erano soddisfatti della prima sgambata condizionata dal maltempo, non tutto è filato liscio: anche la Renault ha accusato un problema a un dado ruota, proprio come è successo in maniera plateale a Fernando Alonso lunedì scorso.

Se allo spagnolo si è staccato il posteriore destro, sulla Renault si è allentato l'anteriore sinistro: il pilota, comunque è riuscito a rientrare ai box e nessuno aveva notato niente. Anche la power unit prodotta a Viry Chatillon non ha avuto grossi problemi: i motoristi capeggiati a Remy Taffin hanno fatto girare i 6 cilindri con un regime di rotazione di sicurezza più basso di quello che sarà utilizzato a Melbourne per il primo GP 2018 e, pare che fosse uguale anche per le altre due squadre equipaggiate (Red Bull Racing e McLaren).

Carlos Sainz Jr., Renault Sport F1 Team RS18
Renault R.S.18: il motore 6 cilindri che ha girato a Barcellona è stato parzializzato

Photo by: Andrew Hone / LAT Images

Si è rotto solo un albero della MGU-K mentre Carlos Sainz tornava ai box con il motore ad un'erogazione troppo bassa che ha scatenato delle vibrazioni e il cedimento. Non è certo colpa del pilota che non conosceva questa caretteristica del propulsore e che potrà fare tesoro di questa informazione nel corso del Campionato.

Nella sessione che inizierà domani è facile attendersi che possa essere provata la qualifica, sfruttando per la prima volta delle opzioni di software che non erano mai state sperimentate a causa della mancanza di affidabilità della power unit. Ora che la durata sembra, invece, un dato raggiunto, i motorsti di Viry Chatillon andranno a cercare quella potenza che ancora manca per sperare di sfidare la Mercedes.

I 373 giri compiuti da Sainz e Hulkenberg, pari a 1.270 km, nei quattro giorni di Barcellona 1 fanno pensare che, finalmente, la Casa francese sia arrivata a una soglia di durata tale da guardare al futuro con una certa attesa...

condividi
commenti
Fotogallery: le foto più belle della Toro Rosso STR13 nei test del Montmelo

Articolo precedente

Fotogallery: le foto più belle della Toro Rosso STR13 nei test del Montmelo

Articolo successivo

Red Bull: la RB14 si nasconde nei test, l'evo si vedrà a Melbourne

Red Bull: la RB14 si nasconde nei test, l'evo si vedrà a Melbourne
Carica i commenti