Renault: la R.S.18 nasce con la scatola del cambio in carbonio

condividi
commenti
Renault: la R.S.18 nasce con la scatola del cambio in carbonio
Franco Nugnes
Di: Franco Nugnes
07 feb 2018, 07:44

La monoposto di Enstone che sarà presentata il 20 febbraio disporrà della nuova trasmissione che dovrebbe favorire una maggiore rigidità del retrotreno, una migliore aerodinamica e una riduzione di pesi.

Renault Sport F1 Team RS17, diffusore
Il muretto box del Renault Sport F1 Team
Nick Chester, Renault Sport F1 Team Technical Director in the Press Conference
Nico Hulkenberg, Renault Sport F1 Team RS17 pit stop
Nico Hulkenberg, Renault Sport F1 Team RS17

La Renault potrà essere una sorpresa della stagione 2018? La squadra di Enstone è in continua espansione da quando nel 2015 ha acquistato la Lotus per tornare a essere protagonista in F.1.

Cyril Abiteboul scommette in una crescita graduale della struttura ed è convinto che in un futuro prossimo la Casa francese possa lottare per il titolo mondiale anche con capacità economiche e umane che non saranno quelle degli altri top team, confidando che si possa raggiungere la vetta anche con l’85% delle risorse usate dalla migliore concorrenza.

Ciò non toglie che Renault Sport F1 sia arrivata ad avere a Enstone un organico di 750 persone che hanno potuto contare su infrastrutture modernissime nelle quali sta nascendo l’attesa R.S.18: la monoposto gialla e nera che si vedrà il 20 febbraio, nel retrotreno monterà una scatola della trasmissione in carbonio, adottando una tecnica costruttiva che è stata lanciata in primis dalla Ferrari e che poi Aldo Costa aveva portato in dote alla Mercedes.

Se il cambio vero e proprio rimarrà in alluminio, la struttura esterna della trasmissione che ospiterà gli attacchi delle sospensioni sarà in materiali compositi.

I vantaggi saranno diversi: il posteriore della R.S.18 risulterà certamente più rigido, ma nel contempo consentirà una miniaturizzazione del retrotreno a vantaggio del passaggio dei flussi per avere un’aerodinamica più efficiente e sarà apprezzabile anche il risparmio di peso.

Carlos Sainz e Nico Hulkenberg possono sperare di guardare al 2018 con una certa fiducia e sarà molto interessante dove si collocherà la squadra ufficiale con gli altri team forniti dalla stessa power unit Renault, vale a dire Red Bull Racing e McLaren…

Prossimo articolo Formula 1
Ericsson: "L'Alfa Romeo-Sauber avrà nel mirino Haas e Toro Rosso"

Previous article

Ericsson: "L'Alfa Romeo-Sauber avrà nel mirino Haas e Toro Rosso"

Next article

Allison: "L'Halo è in grado di sopportare il peso di un bus londinese!"

Allison: "L'Halo è in grado di sopportare il peso di un bus londinese!"
Load comments