Renault: il capo dei motoristi Remy Taffin lascia l'azienda

Remi Taffin, che era il direttore tecnico dei motori di Formula 1 della Casa automobilistica francese, ha lasciato l'azienda.

Renault: il capo dei motoristi Remy Taffin lascia l'azienda

Il francese ha fatto parte del programma F1 della Renault dal 1999, e all'inizio della sua carriera ha lavorato come ingegnere motorista per una serie di piloti tra cui Fernando Alonso e Jenson Button.

Nel 2009, Taffin ha fatto un passo avanti per prendere il controllo generale delle attività in F1 di Renault e poi dal 2014, all'inizio dell'attuale era turbo ibrida, è diventato direttore delle operazioni.

Dal 2016, quando Renault ha aumentato il suo coinvolgimento in F1 , tornando come team ufficiale, Taffin è stato promosso ed è diventato direttore tecnico dell'area motore e ha avuto il compito di portare avanti lo sviluppo della power unit.

Renault ha sopportato una certa frustrazione durante la prima fase dell'era turbo ibrida, ma poi ha fatto progressi per aiutare Red Bull a raggiungere un certo numero di vittorie, e più recentemente ha spinto la Alpine di Esteban Ocon al successo in Ungheria.

Ma mentre Renault continua il lavoro su un power unit tutta nuova per il 2022, che spera permetterà di colmare il divario con Mercedes e Honda, è emerso che Taffin ha lasciato il marchio transalpino.

Una portavoce della Alpine ha confermato a Motorsport.com che Taffin ha lasciato Renault all'inizio di luglio di "comune accordo".

Resta inteso che Renault non è alla ricerca di un sostituto, e invece prevede di dividere le responsabilità di Taffin tra il personale attuale.

Scelta strategica "dolorosa"

Anche se le attuali prestazioni della power unit Renault sono inferiori rispetto ai suoi principali rivali, il motore è effettivamente ora nella sua terza stagione a causa di ritardi forzati nell'introduzione del suo nuovo design.

Parlando all'inizio di questo mese, il direttore esecutivo di Alpine, Marcin Budkowski, ha detto che la situazione non era perfetta, ma c'è ancora ottimismo sui piani legati al motore per il futuro.

"Abbiamo avuto lo stesso motore per il terzo anno consecutivo, con cambiamenti molto, molto piccoli nel 2020 e 2021", ha detto. "È un motore del 2019 quello che stiamo usando, e come risultato alcuni dei nostri concorrenti hanno fatto una crescita che noi non abbiamo fatto".

"La scelta è stata guidata dal fatto che stavamo progettando di introdurre un motore completamente nuovo nel 2021, insieme ai nuovi regolamenti del telaio. Il regolamento del telaio è stato ritardato. Abbiamo ritardato anche l'introduzione di quel nuovo motore al 2022 perché purtroppo, con le chiusure delle fabbriche e i requisiti di smart working che abbiamo avuto l'anno scorso, non siamo stati in grado di consegnarlo per il 2021".

"Quindi ci troviamo in una situazione non ideale in cui abbiamo dovuto ritardare la nostra nuova power unit, che ha migliorato la potenza e la gestione dell'energia, e le solite cose che ti rendono più veloce in rettilineo. Ha anche una nuova architettura e cambiamenti che sono progettati per affrontare alcune delle nostre debolezze rispetto ai nostri concorrenti".

"Non avevamo le risorse per rilanciare il programma di sviluppo del motore di quest'anno e continuare a lavorare sui motori del 2022. Abbiamo deciso di mettere tutti i nostri sforzi sul 2022, quindi è una decisione strategica".

"Credo che sia quella giusta, ma è doloroso, perché come risultato quest'anno abbiamo perso terreno rispetto ai nostri concorrenti".

condividi
commenti
Binotto: "Dopo Monza avremo un motore evoluto"

Articolo precedente

Binotto: "Dopo Monza avremo un motore evoluto"

Articolo successivo

Gli imbrogli più famosi della F1: seconda parte

Gli imbrogli più famosi della F1: seconda parte
Carica i commenti