Regole 2021: cosa ci sarà in fondo ai... tunnel (Venturi)?

condividi
commenti
Regole 2021: cosa ci sarà in fondo ai... tunnel (Venturi)?
Di:
20 lug 2019, 17:49

Le monoposto a effetto suolo fanno già discutere: non piace l'ala anteriore troppo semplice che riduce troppo lo sviluppo aerodinamico. I tre top team spingono per soluzioni meno basiche. L'intento è di generare vortici per portare il flusso dove piace ai progettisti?

L’effetto suolo sarà il tema dominante delle monoposto 2021. Meno aerodinamica determinata dalle ali e da elementi complessi come cape, turning vanes e bargeboard che caratterizzano le vetture di oggi.

L’idea è di concentrare l’attenzione al sotto delle macchine per generare quella spinta verticale che non influenzi troppo la scia e permetta a chi segue di avvicinarsi senza perdere troppo carico sull’anteriore.

Gli ultimi dati delle simulazioni dicono che si potrebbe limitare il calo al 15-20% (invece mentre adesso i piloti devono fare i conti con valori più che doppi.

Concept della Formula 1 del 2021

Concept della Formula 1 del 2021

Photo by: Giorgio Piola

Il ground effect verrà generato da tubi Venturi che si origineranno laddove oggi troviamo i bargeboard, vale a dire dietro alla ruota anteriore, con tunnel che pescheranno il flusso da un accentuato rialzo del fondo e convoglieranno l’aria verso l’enorme diffusore posteriore con un gomito molto accentuato.

Qualcuno si è lamentato che le nuove regole saranno troppo stringenti, tanto da portare alla definizione di monoposto molto simili nelle forme perché le norme lascerebbero lavorare i progettisti con libertà di pochi millimetri sulle superfici definite.

Sarà così davvero? È possibile all’inizio, ma il divieto di utilizzare delle minigonne per sigillare i tubi Venturi all’asfalto e, quindi, aumentare in modo esponenziale il carico aerodinamico, aguzzerà l’ingegno.

Abbiamo visto recentemente quanto siano bravi i tecnici di F1 nel generare dei vortici per energizzare i flussi da orientare in punti specifici della macchina: si spiega, quindi, la contestazione all’ala anteriore che è stata proposta con soli tre elementi.

Oltre a essere molto brutta visivamente, inibirebbe qualsiasi grado di libertà nella ricerca: in particolare i top team vorrebbero un qualcosa di meno basico per dar vita a quei vortici che, magari, potrebbero alimentare anche la parte superiore della macchina restituendo dei vantaggi aerodinamici che sembrano cancellati.

L’abolizione delle sospensioni a controllo idraulico e il divieto di ripristinare le sospensioni attive che sarebbero molto piaciute a Ross Brawn, scateneranno la ricerca dei team non solo ad avere una buona meccanica delle sospensioni (che dovranno essere riviste in funzione delle gomme ribassate da 18 pollici), ma anche a trovare soluzioni utili a stabilizzare il comportamento della vettura nell’aria…

Confronto laterale della Ferrari SF90 con le regole 2021

Confronto laterale della Ferrari SF90 con le regole 2021

Photo by: Giorgio Piola

Articolo successivo
Alfa Romeo, Vasseur insiste: "Giovinazzi non è sotto pressione"

Articolo precedente

Alfa Romeo, Vasseur insiste: "Giovinazzi non è sotto pressione"

Articolo successivo

F1, regole 2021: per trovare le zone grigie ecco un pool di esperti

F1, regole 2021: per trovare le zone grigie ecco un pool di esperti
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Autore Franco Nugnes