F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola
Topic

F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola

Red Bull: sulla RB14 viene riproposta l'ala posteriore che si era vista a Baku

condividi
commenti
Red Bull: sulla RB14 viene riproposta l'ala posteriore che si era vista a Baku
Di: Giorgio Piola
08 giu 2018, 13:46

La squadra di Milton Keynes conta sulle grandi doti di telaio e aerodinamiche della RB14: dopo il successo di Monte Carlo, vuole dimostrare di essere competitiva anche a Montreal.

La Red Bull vuole dimostrare in Canada che il successo conquistato nel Principato di Monaco da Daniel Ricciardo non è stato un episodio, ma rappresenta il frutto di una crescita della RB14.

I tecnici diretti da Adrian Newey a Montreal sono intenzionati a puntare su un assetto aerodinamico piuttosto scarico, in modo da cercare di compensare le carenze della power unit Tag-Heuer (Renault) con una grande efficienza. Non deve sorprendere, quindi, se sullo stradale dedicato a Gilles Villeneuve vedremo l'ala posteriore molto scarica che avevamo già notato a Baku.

Nell'immagine sopra si osserva che l'ala posteriore ha un profilo principale quasi piatto e mostra delle paratie laterali senza aperture, se non i tre soffaggi orizzontali nella parte alta. A Milton Keynes confidano molto nel carico aerodinamico che viene generato sfruttando l'effetto rake estremo, per cui i piloti possono affrontare i tratti più veloci potendo contare su una buona forza verticale.

Articolo successivo
Sauber: ecco il doppio dente sul bordo esterno del diffusore della C37

Articolo precedente

Sauber: ecco il doppio dente sul bordo esterno del diffusore della C37

Articolo successivo

Montreal, Libere 1: Verstappen esalta la Red Bull davanti alla Mercedes di Hamilton

Montreal, Libere 1: Verstappen esalta la Red Bull davanti alla Mercedes di Hamilton
Carica i commenti