Red Bull RB8: c'è una rivoluzione dei flussi d'aria!

Red Bull RB8: c'è una rivoluzione dei flussi d'aria!

Le novità apparse sulla nuova monoposto di Newey fnno sembrare già vecchie le altre monoposto

La Red Bull Racing ha portato a Barcellona una monoposto completamente nuova: intorno alla scocca della RB8 (che è omologata e non modificabile) e al motore Renault (congelato nello sviluppo da anni) Adrian Newey ha costruito una vettura sostanzialmente diversa in tutti gli aspetti che contano, al punto che l'attuale F.1 ha davvero pochi contatti con quella che l'ha preceduta se non nella parte anteriore. SOSTITUZIONE DI TELAIO A Milton Keynes hanno chiesto l'autorizzazione di sostituire il telaio da usare nei test perché l'aggiornamento di quello che ha girato fino a ieri a Barcellona avrebbe richiesto troppo tempo che è meglio usarlo girando in pista. CONCETTI ESTREMI La nuova RB8 esprime la capacità di Adrian Newey di spingere all'estremo certi concetti, nonostante i divieti regolamentari. Non si devono più soffiare i gas di scarico del motore anche in fase di rilascio nel diffusore? NUOVO FLUSSO COMBINATO Il problema non esiste perché il genio inglese sconvolge qualsiasi lettura precedente e si inventa un nuovo flusso combinato grazie al quale va a energizzare proprio il diffusore centrale. BUCO NEL DIFFUSORE Dalle prime foto di Barcellona, infatti, si vede un bel buco nell'estrattore centrale dove vuole Adrian vuole portandoci l'aria che abilmente arriva dall'esterno delle pance grazie ad un inedito soffiaggio studiato sul fondo. UNIONE FA LA FORZA Newey cerca di unire questo flusso con l'aria calda che esce dai radiatori e che può essere parzialmente accelerata dai gas di scarico. I terminali non sfogano più sotto il braccio della sospensione, ma sono montati in una posizione molto più avanzata nelle fiancate, in modo da avere un andamento quasi rettilineo dei gas roventi verso il piede della ruota posteriore, quasi come l'anno scorso, ma non soffiano in un punto particolare. INTONARE I FLUSSI D'ARIA Il progettista inglese cerca di sfruttare al meglio tutta l'aria che riesce a far riattaccare alle fiancate grazie al disegno sempre più complicato delle paratie dell'ala anteriore e a quella che si incanala sotto il muso. Adrian ha imparato a gestire il passaggio dei flussi, portando l'aria dove più gli conviene. La RB8, in sostanza, si è trasformata in un grande deviatore di flussi la cui forma è stata pensata per “intonare” i vari passaggi di aria. ASSETTO PICCHIATO Basta guardare il nuovo disegno dei deviatori ai fianchi delle bocche dei radiatori per vedere come si integrano alle pance rivelandosi degli efficaci convogliatori di flussi verso il retrotreno. Ora si capisce come mai la Red Bull abbia proseguito a girare con un assetto molto picchiato: l'idea è di riproporre nel retrotreno lo stesso carico che in passato con soluzioni diverse. MINI DOPPIO DIFFUSORE Ed essendo il gomito del diffusore molto basso per regolamento era necessario mantenere più alto l'estrattore. Gli occhi più attenti hanno notato, inoltre, che la struttura deformabile posteriore della RB8 nella parte inferiore risulti rialzata rispetto all'estrattore in carbonio. Newey, come del resto hanno fatto i tecnici della Mercedes, vuole avere un ulteriore passaggio di flusso in quella zona centrale, che porta alla creazione di una sorta di piccolo, ma efficace secondo diffusore. QUESTO E' SOLO L'INIZIO E non è detto che il “pacchetto” della Red Bull Racing sia già completo, perché altre novità sono attese a Melbourne per il primo Gp della stagione...

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Piloti Mark Webber , Sebastian Vettel
Articolo di tipo Ultime notizie