F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola

Red Bull: provato il bracket come sulla Ferrari che non piace alla Mercedes!

Ricciardo ha girato poco nel primo turno di libere per sperimentare i porta mozzi anteriori dotati di un pivot sporgente simile nel concetto a quello che la Ferrari ha adottato dal GP del Belgio, scatenando la reazione della Mercedes.

Il week end per Daniel Ricciardo non è iniziato nel migliore dei modi: il pilota australiano è risultato solo 16esimo nella prima sessione di prove libere, perché quando la pista andava asciugandosi è stato invitato a rientrare nei box della Red Bull e poi non è più tornato in pista.

Sulla RB13 di Daniel è stato deciso un intervento importante nella parte anteriore della monoposto: i meccanici hanno iniziato a smontare le sospensioni anteriori per sostituire i porta mozzi in tempo per il secondo turno del pomeriggio.

Nell'immagine ecco una fase dello smontaggio che mostra una soluzione davvero inusuale: dal porta mozzo si osserva sporgere un bracket, come lo chiamano gli inglesi, vale a dire un braccio che permette di cambiare la geometria del puntone push rod.

La Red Bull ha ripreso un concetto che la Ferrari ha sviluppato sulla SF70H già a partire dal GP del Belgio quando è stata introdotta la nuova sospensione anteriore (disegno stto). Si tratta di una modifica che ha scatenato la forte reazione della Mercedes che ha avuto qualcosa da ridire, tanto da mettere in agitazione i commissari tecnici della FIA per i quali, però la soluzione della Rossa è risultata perfettamente legale.

Ferrari SF70H freno anteriore, GP di Singapore
Ferrari SF70H: ecco il bracket della sospensione anteriore che ha fatto agitare i tecnici Mercedes

Photo by: Giorgio Piola

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Evento GP degli USA
Sub-evento Giorgio Piola, analisi tecnica
Circuito Circuito delle Americhe
Piloti Daniel Ricciardo
Team Red Bull Racing
Articolo di tipo Analisi
Tag piola, red bull
Topic F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola