Red Bull, Newey tornato operativo dopo l'incidente in bici

Dopo essere stato vittima di un incidente in bicicletta, ed essere stato costretto ad un lungo recupero, Adrian Newey è tornato al muretto della Red Bull in occasione dello scorso GP di Turchia.

Red Bull, Newey tornato operativo dopo l'incidente in bici

Adrian Newey, direttore tecnico della Red Bull, è stato costretto a saltare diverse gare dopo essersi fatto male in un incidente in bici durante la pausa estiva. Dopo il ricovero in ospedale e un recupero abbastanza lungo, Newey è riuscito a tornare a lavorare nel garage del team al recente Gran Premio di Turchia.

Il consulente motorsport della Red Bull, Helmut Marko, ha affermato come l'assenza di Newey non abbia danneggiato particolarmente la squadra, ma ha sottolineato come il suo ritorno sia stato accolto con grande soddisfazione mentre il team si prepara alla lotta con la Mercedes negli ultimi sei appuntamenti della stagione.

Parlando a Sky F1 Germania, Marko ha dichiarato che Newey non era ancora tornato in piena forma, ma era in grado di contribuire in un momento importante per la squadra.

Il suo ritorno è arrivato in un fine settimana in cui la Red Bull è stata tratta in inganno dalle condizioni dell’asfalto di Istanbul, decisamente differenti da quelle del 2020, che hanno fatto creato qualche grattacapo alla squadra.

Christian Horner, Team Principal, Red Bull Racing, Helmut Marko, consulente, Red Bull Racing, e Adrian Newey, Chief Technical Officer, Red Bull Racing, parlano con Max Verstappen, Red Bull Racing, 2a posizione, dopo la gara

Christian Horner, Team Principal, Red Bull Racing, Helmut Marko, consulente, Red Bull Racing, e Adrian Newey, Chief Technical Officer, Red Bull Racing, parlano con Max Verstappen, Red Bull Racing, 2a posizione, dopo la gara

Photo by: Andy Hone / Motorsport Images

Quando gli è stato chiesto quanto abbia pesato l’assenza di Newey, Marko ha risposto: “Siamo un team abbastanza grande e ci sono numerose figure, ma Adrian è una figura principale”.

“All’inizio non sapevamo quanto fosse grave l’infortunio ed ha dovuto subire varie operazioni, ma adesso è tornato. Non dico che sia in forma al 100%, ma è in grado di svolgere il suo lavoro ed ha individuato subito le difficoltà che abbiamo avuto col set-up”.

Leggi anche:

In attesa che Adrian Newey recuperi al meglio la sua condizione fisica c’è un campionato che prosegue ed un titolo da assegnare. Lewis Hamilton e Max Verstappen affronteranno la trasferta di Austin con un distacco di soli 6 punti a vantaggio dell’olandese, e Christian Horner si è detto pronto a giocare in difesa sul tracciato del Texas per poi tornare a ruggire in Messico ed in Brasile.

“Sappiamo che la gara di Austin è stata una delle preferite di Lewis negli ultimi anni, ma poi arriveranno quelle in Messico ed in Brasile e speriamo che su questi circuiti ad alta quota potremo essere forti come in passato”.

“Non so cosa aspettarmi da queste tre trasferte,sarà affascinante e noi dovremo essere sempre al top”.

condividi
commenti
Meno concomitanze tra F1 e MotoGP nel 2022
Articolo precedente

Meno concomitanze tra F1 e MotoGP nel 2022

Articolo successivo

Pirelli, Isola: "Il nuovo asfalto di Austin è un'incognita"

Pirelli, Isola: "Il nuovo asfalto di Austin è un'incognita"
Carica i commenti