Formula 1
30 apr
-
03 mag
Evento concluso
07 mag
-
10 mag
Evento concluso
21 mag
-
24 mag
Evento concluso
25 giu
-
28 giu
Postponed
G
GP di Singapore
17 set
-
20 set
FP1 in
113 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
FP1 in
155 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
FP1 in
169 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
FP1 in
183 giorni
F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola
Topic

F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola

Red Bull: lo specchietto retrovisore soffiato diventa un deviatore di flusso

condividi
commenti
Red Bull: lo specchietto retrovisore soffiato diventa un deviatore di flusso
Di:
23 ago 2018, 09:49

Sulla RB14 presente dei box di Spa si osserva una soluzione degli specchietti che è derivazione del concetto lanciato dalla Ferrari sulla SF71H. La squadra di Milton Keynes propone anche un'ala posteriore scarica degna di Monza.

La Ferrari SF71H farà discutere per molte delle sue soluzioni al limite del regolamento ma fa scuola e viene copiata. La Red Bull, infatti, ha portato a Spa una inedita carenatura degli specchietti i cui supporti sono a tutti gli effetti dei convogliatori di flusso.

Anche gli aerodinamici di Milton Keynes hanno deciso di creare dei soffiaggi intorno ai retrovisori, seguendo il concetto che è stato lanciato sulla Rossa già a inizio stagione, ma intorno allo specchietto è stato realizzato un vero e proprio deviatore di flusso: oltre a ridurre la resistenza all’avanzamento del retrovisore, si cercano di incanalare i flussi sulle pance per avere una maggiore efficienza aerodinamica.

La Red Bull ha adottato questa soluzioni molto articolata dopo che i cugini della Toro Rosso avevano sperimentato lo specchietto soffiato in occasione del GP di Gran Bretagna a Silverstone.

Red Bull Racing RB14, dettaglio dell'ala posteriore molto scarica

Red Bull Racing RB14, dettaglio dell'ala posteriore molto scarica

Photo by: Giorgio Piola

Sulla RB14 si osserva anche un’ala posteriore particolarmente scarica: ormai ci siamo abituati a vedere le monoposto di Max Verstappen e Daniel Ricciardo girare con profili alari con incidenze minime, degne di una pista ultra-veloce come Monza. Si notino che nelle paratie laterali sono scomparse le feritie orizzontali nella parte superiore.

Articolo successivo
Brawn: "Niente rivoluzione dei motori nel 2021, meglio pensare solo evoluzioni"

Articolo precedente

Brawn: "Niente rivoluzione dei motori nel 2021, meglio pensare solo evoluzioni"

Articolo successivo

Force India potrebbe già cambiare nome nelle prossime gare. Intanto Fernley è in procinto di lasciare il team dopo 10 anni

Force India potrebbe già cambiare nome nelle prossime gare. Intanto Fernley è in procinto di lasciare il team dopo 10 anni
Carica i commenti