Formula 1
G
GP del Portogallo
02 mag
Gara in
54 giorni
09 mag
Prossimo evento tra
57 giorni
G
GP del Canada
13 giu
Gara in
96 giorni
G
GP di Francia
24 giu
Prossimo evento tra
106 giorni
01 lug
Prossimo evento tra
113 giorni
G
GP di Gran Bretagna
15 lug
Prossimo evento tra
127 giorni
G
GP d'Ungheria
29 lug
Prossimo evento tra
141 giorni
G
GP del Belgio
26 ago
Prossimo evento tra
169 giorni
02 set
Prossimo evento tra
176 giorni
09 set
Prossimo evento tra
183 giorni
G
GP della Russia
23 set
Prossimo evento tra
197 giorni
G
GP di Singapore
30 set
Prossimo evento tra
204 giorni
G
GP del Giappone
07 ott
Prossimo evento tra
211 giorni
G
GP degli Stati Uniti
21 ott
Prossimo evento tra
225 giorni
G
GP del Messico
28 ott
Prossimo evento tra
232 giorni
G
GP dell'Arabia Saudita
03 dic
Prossimo evento tra
268 giorni
G
GP di Abu Dhabi
12 dic
Prossimo evento tra
277 giorni
F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola
Topic

F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola

Red Bull: l’ala anteriore di Max era di nuova concezione

Solo l’olandese ha avuto a disposizione in Turchia una inedita versione dell’ala molto modificata in prossimità del vortice Y250. Rivisto il profilo principale e il disegno di tutti i flap per migliorare l’efficienza in una zona sensibile della RB16.

Red Bull: l’ala anteriore di Max era di nuova concezione

Nel team Red Bull c’è disappunto per l’occasione persa nel GP della Turchia: la RB16 è sembrata una monoposto molto competitiva, ma, complice una pessima partenza di Max Verstappen, associata a una serie di errori del pilota olandese, hanno impedito al team di Milton Keynes di ambire alla seconda vittoria stagionale dopo quella di Silverstone.

Va detto che gli aerodinamici diretti da Pierre Wache stanno producendo uno sforzo enorme per rendere la monoposto di Adrian Newey capace di lottare ad armi pari con la Mercedes W11. All’Istanbul Park è stata portata una monoposto evoluta in molte parti aerodinamiche.

Ecco lo slot apparso sul cape della Red Bull Racing RB16 nel GP della Turchia

Ecco lo slot apparso sul cape della Red Bull Racing RB16 nel GP della Turchia

Photo by: Giorgio Piola

L’attenzione nel Bosforo si era concentrata sui due soffiaggi ben visibili sul pavimento del cape che alimentavano un flusso pescato sopra al muso dalle due narici e convogliato sotto al fondo per sfociare nella parte centrale del diffusore.

Gli scarichi wastegate della Red Bull Racing RB16 abbassati in occasione del GP de Turchia

Gli scarichi wastegate della Red Bull Racing RB16 abbassati in occasione del GP de Turchia

Photo by: Giorgio Piola

L’effetto di estrazione dell’aria è stato ulteriormente maggiorato dagli scarichi della wastegate, non più collocati sopra al terminale di scarico centrale, ma sono stati spostati più in basso sotto al braccio superiore della sospensione, per migliorare l’efficienza del flusso.

Dettaglio della nuova ala anteriore sulla Red Bull Racing RB16 di Max Verstappen nel GP di Turchia

Dettaglio della nuova ala anteriore sulla Red Bull Racing RB16 di Max Verstappen nel GP di Turchia

Photo by: Giorgio Piola

È passata inosservata, invece, la nuova ala anteriore che è stata affidata solo a Max Verstappen: oltre a disporre della paratia laterale che risucchia l’aria da sotto al marciapiede esterno per portarla in coda alla bandella e soffiare in modo tale da ridurre l’effetto nocivo delle turbolenze generate dalla ruota anteriore in movimento, ha mostrato delle interessanti modifiche in prossimità del vortice Y250.

Il profilo principale, infatti, ha una maggiore corda in prossimità dell’area centrale neutra, per cui il secondo elemento mostra una forma appuntita che si stacca dal pavimento tant’è che sono stati introdotti ben due supporti per fissarlo.

Il primo dei tre flap aggiuntivi riprende il disegno di quello sottostante, ragione per cui i due flap superiori nella parte interna sono meno lanceolati e, in particolare l’ultimo, mostra una corda più corta e un raggio di curvatura meno accentuato rispetto alla versione standard affidata ad Alexander Albon, sotto.

Ecco l'ala anteriore tradizionale di Alex Albon sulla Red Bull RB16 nel GP di Turchia

Ecco l'ala anteriore tradizionale di Alex Albon sulla Red Bull RB16 nel GP di Turchia

Photo by: Giorgio Piola

Insomma alla Red Bull non si sono rassegnati all’idea di subire la supremazia delle frecce nere anche in previsione di un 2021 nel quale la Honda dovrebbe esprimere il massimo potenziale del suo motore prima del ritiro già ufficializzato.

condividi
commenti
F1, non solo Mercedes: dal 2021 avrà Safety Car Aston Martin

Articolo precedente

F1, non solo Mercedes: dal 2021 avrà Safety Car Aston Martin

Articolo successivo

Giornalismo in lutto: è morto Nestore Morosini

Giornalismo in lutto: è morto Nestore Morosini
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Evento GP di Turchia
Sotto-evento Post-gara
Location Istanbul Park
Piloti Max Verstappen , Alexander Albon
Team Red Bull Racing
Autore Franco Nugnes