Formula 1
G
GP del Bahrain
28 mar
Prove Libere 1 in
26 giorni
09 mag
Prossimo evento tra
67 giorni
G
GP dell'Azerbaijan
06 giu
Gara in
98 giorni
G
GP del Canada
13 giu
Gara in
106 giorni
G
GP di Francia
24 giu
Prossimo evento tra
116 giorni
01 lug
Prossimo evento tra
123 giorni
G
GP di Gran Bretagna
15 lug
Prossimo evento tra
137 giorni
G
GP d'Ungheria
29 lug
Prossimo evento tra
151 giorni
G
GP del Belgio
26 ago
Prossimo evento tra
179 giorni
02 set
Prossimo evento tra
186 giorni
09 set
Prossimo evento tra
193 giorni
G
GP della Russia
23 set
Prossimo evento tra
207 giorni
G
GP di Singapore
30 set
Prossimo evento tra
214 giorni
G
GP del Giappone
07 ott
Prossimo evento tra
221 giorni
G
GP degli Stati Uniti
21 ott
Prossimo evento tra
235 giorni
G
GP del Messico
28 ott
Prossimo evento tra
242 giorni
G
GP dell'Arabia Saudita
03 dic
Prossimo evento tra
278 giorni
G
GP di Abu Dhabi
12 dic
Prossimo evento tra
287 giorni

Red Bull: i pro ed i contro del congelamento dei motori

Dopo mesi di tira e molla tra i team di Formula 1, la scorsa settimana è stato raggiunto un accordo per congelare lo sviluppo dei motori dal 2022.

condividi
commenti
Red Bull: i pro ed i contro del congelamento dei motori

Da quando la Honda ha annunciato all'inizio di ottobre che avrebbe terminato il suo coinvolgimento in F1 dopo il 2021, la Red Bull ha spinto molto per ottenere il congelamento dei motori.

Il team è sempre sembrato rilassato, anche fiducioso, circa il suo futuro nonostante sembri aver perso un importante alleato che gli ha offerto uno status di team "factory". Con il congelamento dei motori le avrebbe permesso di prendere la proprietà intellettuale Honda e gestire il progetto stesso dopo l'uscita del produttore giapponese, era chiaro da subito quale fosse il fine della Red Bull.

Il dibattito è andato avanti e indietro nelle settimane successive. La Ferrari è stata inizialmente il principale oppositore al piano della Red Bull, dicendo che era "fermamente contraria" a sospendere lo sviluppo, solo per poi cambiare idea poche settimane dopo che è stato raggiunto un compromesso per anticipare la prossima generazione di power unit di un anno, al 2025.

Ma come Ferrari e Red Bull hanno spinto anche per un meccanismo da introdurre per garantire che qualsiasi calo di prestazioni possa essere compensato, utilizzando mezzi come consentire una maggiore portata di carburante in caso di un deficit di potenza, la Mercedes non ha apprezzato questa opzione. Mentre ha sostenuto un congelamento del motore da una prospettiva di costo, non voleva dare un pass gratuito completo. Ed ha trovato un alleato nella Renault, lasciando così la questione motori nell'incertezza fino all'inverno.

Dalla riunione della F1 Commission di giovedì è emerso che il congelamento del motore non solo era stato approvato, ma che lo era stato con un accordo unanime tra le squadre. Ma nessun meccanismo per bilanciare le prestazioni è stato concordato o seriamente considerato. Quindi nessuna delle parti ha ottenuto ciò che avrebbe voluto fino in fondo, ma almeno è stata trovata una convergenza.

L'accordo è stato in gran parte una buona notizia per la Red Bull, che ora è in grado di procedere con i piani per acquisire la proprietà intellettuale della power unit Honda e assumerne la gestione dall'inizio del prossimo anno. Questo è sempre stato il percorso preferito della Red Bull, perché avrebbe evitato una riunione imbarazzante con Renault appena tre stagioni dopo il loro divorzio, ma le avrebbe anche dato un maggiore controllo sul suo futuro.

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16, Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11, Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11, and Lando Norris, McLaren MCL35

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16, Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11, Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11, and Lando Norris, McLaren MCL35

Photo by: Charles Coates / Motorsport Images

Anche con lo sviluppo congelato, realizzare una divisione per supervisionare la power unit sarà costoso. Il lavoro è già in corso per adattare parte delle strutture della squadra a Milton Keynes alla gestione dei motori, e non è un esercizio economico. Ma considerando quanto sarebbe stato costoso un accordo con un altro produttore, per la Red Bull non è andata poi tanto male.

Fondamentalmente, la Red Bull si prepara perfettamente per l'introduzione delle nuove power unit nel 2025. L'incontro della F1 Commission ha sviluppato ulteriormente i piani per il futuro, impegnandosi a rendere le power unit più semplici, più economiche e più attraenti per i potenziali nuovi motoristi. L'elemento dei costi è particolarmente attraente per la Red Bull, che ha confermato alla fine dello scorso anno che potrebbe anche costruire le proprie power unit con i nuovi regolamenti.

"Se saranno confermate le allusioni riguardo ai nuovi motori molto più semplici nel design, con l'eliminazione della MGU-H, che rimangono innovativo, ma con un limite di costo annuale intorno ai 50 milioni, allora non è più una questione così complessa come il motore attuale", ha detto il consigliere della Red Bull, Helmut Marko, a Motorsport.com in dicembre. "Questo significa che potremmo realizzare un nostro motore con le strutture che avremo a Milton Keynes".

La porta sarebbe aperta a lavorare con un altro costruttore, se i nuovi regolamenti fossero abbastanza attraenti, ma lo sviluppo interno di una nuova power unit è una buona opzione di back-up. Anche se si legasse con un costruttore per un accordo factory, avere una divisione motori interna è comunque un rinforzo per la Red Bull e le garantisce molta flessibilità.

Sul fronte dei costi, sarà anche in grado di utilizzare la sua indipendenza per commercializzare la power unit come vuole. Tra le prime fratture del suo rapporto con Renault sei anni fa, la Red Bull ha ribattezzato le power unit con il marchio di orologi TAG Heuer. Un accordo di sponsorizzazione simile sarà ora possibile per almeno i prossimi tre anni, aiutando ancora una volta a portare alcune entrate aggiuntive.

Si tratta di uno sviluppo emozionante per il futuro della Red Bull, ma non garantisce il successo della squadra nelle prossime tre stagioni.

Nell'annunciare la sua uscita, Honda ha sottolineato il suo impegno a sviluppare una nuova power unit per la stagione 2021, che sperava avrebbe permesso alla Red Bull di lanciare una vera e propria sfida alla Mercedes per il titolo. Ma non è chiaro quale assistenza ci sarà da Honda nello smistare gli sviluppi prima del passaggio alla Red Bull dell'eredità del progetto.

Mentre Ferrari, Mercedes e Renault lavoreranno per tutto il 2021 per garantire che i loro motori siano il più forte possibile per quando il congelamento entrerà in vigore all'inizio della stagione 2022, Red Bull non può permettersi di perdere terreno nel frattempo. Mentre si mette al passo con la sua divisione motori, sarà importante l'aiuto da parte della Honda per garantire che il primo motore Red Bull non nasca con un ritardo importante.

Masashi Yamamoto, General Manager, Honda Motorsport, and Christian Horner, Team Principal, Red Bull Racing, celebrate in Parc Ferme

Masashi Yamamoto, General Manager, Honda Motorsport, and Christian Horner, Team Principal, Red Bull Racing, celebrate in Parc Ferme

Photo by: Andy Hone / Motorsport Images

È qui che la mancanza di un meccanismo di correzione potrebbe rivelarsi costosa. Il team principal della Red Bull, Christian Horner, ha detto alla fine della scorsa stagione che "bloccare le prestazioni per tre anni" potrebbe essere "abbastanza dannoso" per qualsiasi squadra che si trovasse sottotono, da qui il suo desiderio di un qualche tipo di sistema di balance of performance se necessario.

Il possibile costo di sbagliare la power unit è dimostrato dalle difficoltà della Ferrari l'anno scorso. Con nessuno sviluppo permesso come parte delle misure di risparmio imposte dalla pandemia del COVID-19, la Ferrari è stata bloccata con la sua power unit sottoperformante per l'intera stagione, lasciando lei e i clienti Alfa Romeo e Haas dolorosamente in deficit.

Non è quindi una sorpresa che la Ferrari fosse allineata con la Red Bull per il meccanismo di correzione. Ma il fatto che il piano sia stato respinto con supporto unanime indica un cambiamento di posizione. I rumors provenienti da Maranello sulla sua nuova power unit in arrivo per il 2021 sono stati positivi. Questa fiducia ha spinto la Ferrari a cambiare fronte, contando di tornare a un livello competitivo all'inizio del 2022?

La Red Bull potrebbe aver ottenuto la svolta che voleva con il congelamento del motore, che le consentirà di pianificare non solo per l'era post-Honda, ma per il prossimo ciclo di regole della power unit che inizierà nel 2025. A lungo termine, le cose sembrano buone.

Ma senza alcun tipo di balance of performance, la pressione ora sarà sul garantire che entro l'inizio del 2022 - indipendentemente da come si chiamerà la power unit gestita dalla Red Bull - sia abbastanza competitiva da lanciare la sfida alla Mercedes.

Perché l'indagine sull'incidente di Grosjean non sarà semplice

Articolo precedente

Perché l'indagine sull'incidente di Grosjean non sarà semplice

Articolo successivo

Domenicali: "La F1 ha bisogno di piloti-eroi come Lewis"

Domenicali: "La F1 ha bisogno di piloti-eroi come Lewis"
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Team Red Bull Racing
Autore Luke Smith