Red Bull: contrordine perché la MGU-K di Ricciardo è da sostituire

condividi
commenti
Red Bull: contrordine perché la MGU-K di Ricciardo è da sostituire
Roberto Chinchero
Di: Roberto Chinchero
05 giu 2018, 08:35

Newey, direttore tecnico della squadra di Milton Keynes, ha dichiarato alla Reuters che il motore elettrico andato in crisi a Monaco è rotto e anche la batteria è a rischio. Non è escluso il passaggio al motore 3 della Renault.

Il vincitore della gara Daniel Ricciardo, Red Bull Racing, spruzza lo champagne sul podio
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB14
Sir Jackie Stewart presenta a Daniel Ricciardo, Red Bull Racing, il Pirelli pole position award
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB14
Il poleman Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB14 festeggia nel parco chiuso
Sebastian Vettel, Ferrari and Daniel Ricciardo, Red Bull Racing nella conferenza stampa

Adrian Newey ha confermato che Daniel Ricciardo sconterà almeno dieci posizioni di penalità sulla griglia di partenza del Gran Premio del Canada. Il pilota australiano della Red Bull si è imposto nel Gran Premio di Monaco nonostante un problema tecnico abbia compromesso il funzionamento dell’unità MGU-K della sua power unit Renault.

Le prime informazioni trapelate all’indomani della gara sul Principato avevano indicato come riparabile il problema che ha accusato Ricciardo, ma Newey ha confermato che sarà necessaria la sostituzione del componente.

“Abbiamo dei dubbi anche sulla batteria – ha chiarito il tecnico inglese all’agenzia Reuters– stiamo aspettando una risposta definitiva da parte della Renault in merito, ma sappiamo già che l’MGU-K dovrà essere sostituita. Il componente ha preso fuoco, e alcune parti sono carbonizzate”.

Ricciardo ha già utilizzato una power unit completa dal Gran Premio di Cina arrivando a quota 2 per tutti gli elementi, e la sostituzione della MGU-K comporterà una penalità di dieci posizioni. Se sarà necessario cambiare anche il pacco batterie, la penalità si sommerà di altre cinque posizioni.

Se invece Red Bull decideranno di montare una terza power unit completa, Ricciardo non dovrà scontare ulteriori sanzioni poiché i restati elementi sono permessi fino a tre esemplari.

La Renault sarà tra i motoristi a portare una power unit evoluta nel Gran Premio del Canada, che sarà a disposizione dei clienti che decideranno di sostituire la PU precedente.
“Si tratta di un’evoluzione che garantirà l'uno per cento in più di potenza – ha chiarito Newey – che possiamo valutare in circa un decimo di secondo”.

Articolo successivo
F.1, orari e copertura TV in Svizzera per il GP del Canada

Articolo precedente

F.1, orari e copertura TV in Svizzera per il GP del Canada

Articolo successivo

Ferrari: il motore 2 di Vettel ha la testata alleggerita

Ferrari: il motore 2 di Vettel ha la testata alleggerita
Carica i commenti