Raikkonen stavolta non nasconde l'emozione: "Grazie Ferrari, è stata un'esperienza bella da vivere"

condividi
commenti
Raikkonen stavolta non nasconde l'emozione:
Matteo Nugnes
Di: Matteo Nugnes
25 nov 2018, 15:21

Il finlandese purtroppo è stato costretto al ritiro nella sua ultima gara con la Rossa: "Avrei preferito finire meglio, ma questo fa parte del nostro sport". "Iceman" comunque ha ringraziato tutti per questi 8 anni insieme.

Kimi Raikkonen, Ferrari SF71H, Charles Leclerc, Sauber C37, e Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB14, lottano alla partenza della gara
Kimi Raikkonen, Ferrari SF71H
Kimi Raikkonen, Ferrari SF71H
Kimi Raikkonen, Ferrari SF71H
Kimi Raikkonen, Ferrari SF71H

Sicuramente Kimi Raikkonen e la Ferrari avrebbero sperato di salutarsi in un'altra maniera. Un problema di natura elettrica ha invece costretto il finlandese ad alzare bandiera bianca ad Abu Dhabi dopo appena 6 giri, la maggior parte dei quali disputati dietro alla Safety Car per l'incidente avvenuto tra Romain Grosjean e Nico Hulkenberg.

Nonostante questo ko, "Iceman" ha mantenuto il terzo posto nella classifica iridata, precedendo di appena due lunghezze Max Verstappen e di tre il connazionale Valtteri Bottas. Per una volta poi, non ha nascosto un pizzico di emozione nel dover salutare la squadra con cui ha corso per ben otto stagioni e che gli ha regalato anche il suo unico titolo iridato piloti nel 2008.     

Leggi anche:

"Io devo dire grazie a tutti. Ci sono stati momenti belli ed altri meno belli, ma sono stati tutti belli da vivere. Avrei voluto finire meglio, ma questo fa parte del nostro sport purtroppo" ha detto Kimi ai microfoni di Sky Sport F1 HD. 

"Abbiamo tutti il bel ricordo del campionato che ho vinto con la Ferrari, abbiamo vinto due volte il titolo Costruttori. Questo mi rimarrà per sempre. Ci siamo sempre dati un grande sostegno a vicenda e sono veramente grato per tutto quello che mi hanno dato" ha aggiunto, ricordando anche i due allori Costruttori del 2008 e del 2009.

Ora però non c'è troppo tempo per i sentimentalismi, perché tra qualche ora Kimi inizierà subito la sua nuova avventura. Nei test dei prossimi giorni a Yas Marina, infatti, si scambierà l'abitacolo con il suo erede in Rosso Charles Leclerc, tornando a guidare per la Sauber, la squadra che lo aveva lanciato nel Circus nel 2001, quando era solo un ragazzino.

Ovviamente sono curioso di poter fare questo test, anche per capire com'è questa macchina. Chiaramente anche le gomme il prossimo anno potrebbero essere diverse, quindi sarà un test importante. 

 
Articolo successivo
Hamilton vince ad Abu Dhabi il 100esimo GP ibrido con Vettel all'inseguimento

Articolo precedente

Hamilton vince ad Abu Dhabi il 100esimo GP ibrido con Vettel all'inseguimento

Articolo successivo

Arrivabene: "Nelle ultime gare abbiamo visto il vero Vettel, peccato per Kimi"

Arrivabene: "Nelle ultime gare abbiamo visto il vero Vettel, peccato per Kimi"
Carica i commenti