Kimi: "Non sarei tornato se non fossi motivato"

Il finlandese ha spiegato che a mancargli è stato soprattutto il duello ruota a ruota

"Non sarei tornato se non fossi motivato": con queste parole Kimi Raikkonen ha aperto la video intervista che è stata divulgata nella mattinata di oggi dalla Lotus Renault, subito dopo l'annuncio del suo ingaggio biennale da parte della squadra di Enstone. L'ex campione del mondo, dunque, ci ha tenuto a precisare che non c'è una scelta di comodo dietro alla sua scelta di tornare a correre in Formula 1, ma semplicemente tanta voglia di tornare a competere in quello che è stato il suo mondo per tanti anni. "In queste settimane ho sentito tanto parlare delle mie motivazioni, ma nessuno tranne me sa quello faccio o quello che penso, quindi non mi interessa quello che dicono gli altri. Ho voglia di tornare e non avrei mai messo il mio nome su un contratto se non fosse così. Sarà interessante ed eccitante rientrare in Formula 1" ha detto "Iceman". Il duello con l'avversario sembra essere la cosa che è mancata di più all'ex ferrarista negli ultimi due anni: "Non ho mai perso la mia passione per la Formula 1, ma avevo perso quella per tutto quello che le gravita intorno. Dopo alcune gare nella NASCAR, all'inizio di quest'anno ho iniziato a sentire la mancanza del gareggiare contro degli avversari, visto che nei rally lo si fa solo contro il cronometro. Sicuramente è questa la cosa che mi è mancata di più". In un altro passaggio interessante dell'intervista, Kimi infine ha ammesso che anche i contatti con la Williams erano reali: "Avevo due opzioni e una era la Williams. Alla fine però con la Lotus Renault ci siamo trovati concordi su quello che cercavamo ed è per questo che l'ho scelta". Nel video in alto potete ascoltare l'intervista completa.

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Piloti Kimi Raikkonen
Articolo di tipo Ultime notizie