Raikkonen non è un caso: esprime ciò che oggi Kimi può dare alla Ferrari

condividi
commenti
Raikkonen non è un caso: esprime ciò che oggi Kimi può dare alla Ferrari
Roberto Chinchero
Di: Roberto Chinchero
11 giu 2018, 08:15

Il finlandese è l'ultimo dei piloti dei top team: il suo rendimento non è pari alle aspettative della Ferrari che vorrebbe lottare anche per il Mondiale Costruttori, ma così rischia di restare un miraggio.

Kimi Raikkonen, Ferrari
I meccanici Ferrari attendono Kimi Raikkonen, Ferrari SF71H, per effettuare un pit stop
Kimi Raikkonen, Ferrari SF71H, effettua un pit stop
Kimi Raikkonen, Ferrari SF71H, effettua un pit stop
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W09, precede Kimi Raikkonen, Ferrari SF71H
Sebastian Vettel, Ferrari SF71H, precede Max Verstappen, Red Bull Racing RB14, Valtteri Bottas, Mercedes W09
Kimi Raikkonen, Ferrari SF71H

L’unico neo nel weekend ferrarista è stato Raikkonen. Un sesto posto, al volante di una Ferrari, equivale all’ultima posizione tra coloro che lottano per la vittoria, e questo spiega il volto scuro di Iceman a fine gara. La Ferrari vuole bene a Kimi, ed è una stima meritata sul campo, ma il tempo passa per tutti.

In questa stagione Raikkonen ha iniziato il Mondiale in un buon stato di forma, e nelle prime gare ha perso per strada una trentina di punti per colpe non sue.

Se la corsa per il Mondiale premiasse solo le doti da veloce passista, Kimi sarebbe ancora lì a giocarsela, ma ci sono giornate in cui bisogna dare il colpo di reni nel momento giusto, passaggi che comportano una differenza enorme in termini di risultati. Parliamo della zampata in qualifica, del sorpasso ‘cattivo’ o della malizia che serve per raddrizzare una situazione poco favorevole.

Ed è in queste circostanze che Raikkonen non sembra più avere lo smalto degli altri 5 avversari diretti. L’intensità con cui Verstappen ha seguito Bottas fino alla bandiera a scacchi non ha nulla a che vedere con l’atteggiamento che Kimi ha tenuto nei confronti di Hamilton.

Leggi anche:

I tempi sul giro Raikkonen li ha anche stampati, ma a corrente alternata, e quando ha battezzato che la Mercedes sarebbe stata dura da passare, ha tirato i remi in barca.

Kimi è una pedina importante nella Ferrari di oggi, un aiuto nella messa a punto, un team-player che non crea mai alcuna polemica, un uomo squadra perfetto per garantire a Vettel il miglior habitat possibile. Ma sulla bilancia ci sono anche i punti che si lasciano per strada in domeniche come quella canadese di ieri, punti che in parte sarebbero stati sottratti anche ad Hamilton.

L’equilibrio tra pro e contro non facilita la scelta che dovrà essere fatta nel quartier generale della Ferrari, ma è giusto anche considerare che non si può chiedere a Kimi ciò che Kimi non può più dare, ed è gratuito attaccarlo con confronti di classifica con Vettel.

Dopo tre anni e mezzo di convivenza, Vettel ha uno score di 11 vittorie a 0 su Raikkonen, ed un bottino di 928 punti contro 609. Ma continuare a sottolineare queste cifre non ha più senso. Sta alla Ferrari decidere se va bene questo Kimi, che sotto certi aspetti può ancora dare molto, ma in altri ormai non più.

Prossimo articolo Formula 1

Su questo articolo

Serie Formula 1
Evento GP del Canada
Sotto-evento Gara
Piloti Kimi Raikkonen
Team Ferrari
Autore Roberto Chinchero
Tipo di articolo Analisi