Raikkonen: "La vittoria? Sensazione grandiosa! Abbiamo ritrovato la Ferrari che ci aspettiamo"

condividi
commenti
Raikkonen:
Giacomo Rauli
Di: Giacomo Rauli
21 ott 2018, 21:14

21esimo successo in F1 per il pilota finlandese, che supera Hakkinen e torna alla vittoria a 5 anni dall'ultima in F1. Ad Austin Kimi è stato autore di una gara impeccabile, dall'inizio alla fine.

5 anni dall'ultima vittoria. Un'eternità, specialmente se di nome ti chiami Kimi e di cognome Raikkonen. Eppure il lustro maledetto dal punto di vista dei risultati è stato interrotto proprio oggi, in un weekend speciale per il pilota della Ferrari, perché 11 anni fa a Interlagos si era laureato campione del mondo di F1 2007. Quello che, a oggi, è e resterà per almeno un altro anno l'ultimo titolo iridato Piloti conquistato da un driver del Cavallino Rampante.

Raikkonen è stato autore di una gara impeccabile ad Austin, che lo ha visto scattare molto bene al via dalla seconda posizione in griglia e a superare Lewis Hamilton con un'entrata decisa (Kimi aveva poco da perdere, al contrario del collega della Mercedes...) alla prima curva. Ma il capolavoro lo ha fatto nella gestione gomme, nel ritmo impartito alla sua corsa e alla resistenza opposta a Verstappen e lo stesso Hamilton negli ultimi 16 giri della corsa.  

Leggi anche:

Un Raikkonen vintage, termine che oggi va di moda ma che tratteggia perfettamente la gara del finlandese, che con questo successo - il 21esimo in F1 - è diventato il pilota finlandese più vincente di tutti i tempi superando il 2 volte iridato Mika Hakkinen.

"Tagliare il traguardo e vincere mi ha dato una sensazione grandiosa", ha affermato Kimi al termine della corsa, con la sua gioia nascosta da un paio di Ray-Ban scuri e la solita espressione da "Iceman".  

"Chiaramente è molto meglio che arrivare secondo, però non mi cambia la vita, anche se siamo qui per cercare di vincere. Il nostro weekend è stato molto solido e sono felice per questo, ma anche perché il team veniva da alcuni fine settimana difficili. Sono molto contento che alla fine siamo riusciti a riprenderci. Abbiamo avuto il morale alto e siamo riusciti a portare a casa la vittoria in questo weekend".

Raikkonen ha poi spostato l'attenzione sulla ritrovata competitività della Ferrari, tornata dopo alcune gare in cui il team di Maranello sembrava aver smarrito la giusta strada, quella che l'aveva portato ad avere la miglior monoposto del Mondiale 2018.

Leggi anche:

"Abbiamo ritrovato la Ferrari che ci aspettiamo di avere. Ovviamente questo non è il miglior risultato che speravamo di ottenere, perché speravamo che Seb chiudesse la corsa più avanti, però a volte le cose vanno così. Il campionato è ancora aperto, sia quello Piloti che quello Costruttori ed è quello che ci aspettavamo. Come detto eravamo reduci da alcune gare dure ma siamo felici di essere tornati a lottare, per avere ancora delle opportunità e per ottenere ancora buoni risultati".

"Ovviamente questo risultato ci aiuta in ottica Mondiale Costruttori, siamo ancora in lotta per tutti e due i campionati. Andiamo in Messico per fare ancora del nostro meglio e possiamo fare solo questo. Sperando di poter ottenere il risultato massimo con entrambe le monoposto e continuare a lottare sino al termine del campionato". 

 
Articolo successivo
Vettel: "Deluso per aver deluso la Ferrari. Per me questo è un momento difficile"

Articolo precedente

Vettel: "Deluso per aver deluso la Ferrari. Per me questo è un momento difficile"

Articolo successivo

Fotogallery F1: il ritorno alla vittoria di Raikkonen e della Ferrari al GP degli USA 2018

Fotogallery F1: il ritorno alla vittoria di Raikkonen e della Ferrari al GP degli USA 2018
Carica i commenti