Formula 1
27 giu
-
30 giu
Evento concluso
11 lug
-
14 lug
Evento concluso
25 lug
-
28 lug
Evento concluso
01 ago
-
04 ago
Evento concluso
G
GP del Belgio
29 ago
-
01 set
05 set
-
08 set
FP1 in
13 giorni
G
GP di Singapore
19 set
-
22 set
FP1 in
27 giorni
26 set
-
29 set
FP1 in
34 giorni
G
GP del Giappone
10 ott
-
13 ott
FP1 in
48 giorni
G
GP del Messico
24 ott
-
27 ott
FP1 in
62 giorni
G
GP degli Stati Uniti
31 ott
-
03 nov
FP1 in
70 giorni
G
GP del Brasile
14 nov
-
17 nov
FP1 in
83 giorni
G
GP di Abu Dhabi
28 nov
-
01 dic
FP1 in
97 giorni

Raikkonen: "16 giorni di fila ubriaco? Era quasi normale!"

condividi
commenti
Raikkonen: "16 giorni di fila ubriaco? Era quasi normale!"
Di:
13 ago 2019, 16:27

In un'intervista esclusiva concessa a Motorsport.com da non perdere, Raikkonen parla delle sue stravaganze, di come i figli hanno cambiato la sua vita, ma anche del rapporto con la Ferrari e con Ron Dennis.

Kimi, sembra che tu sia più rilassato con i media ultimamente. Dai quasi l’impressione che ti diverta di più rispetto al passato...
"Non proprio, ma non ho scelta. Questo è il problema! Non ho molto da dire, ma anche questo fa parte del mio lavoro".

Il tuo approccio ad interviste del genere è cambiato?
"Le vedo più o meno allo stesso modo in cui le vedevo prima. Le persone che lavorano qui in Formula 1 come giornalisti sono sempre le stesse e la maggior parte di loro fa sempre le stesse domande. Questo non è cambiato con gli anni, ci sono tante cose di cui vi si chiede di parlare, i giornalisti le scrivono e poi chiedono a noi la nostra opinione".

Leggi anche:

Hai sempre detto che ti diverti a guidare, ma non ti divertono le pubbliche relazioni ed il contatto con la stampa. Non le avevi quando guidavi nei rally…
"Esatto, specialmente nel secondo anno, quando era chiaro cosa avrei fatto, se restare nei rally o fare niente. Ero molto contento per certi versi!".

Allora perché hai deciso di lasciare il rally e tornare in Formula 1? Avevi ciò che volevi...
"Ho provato un po’ la NASACAR. L’aspetto che mi piaceva era correre. Il rally non è una corsa classica in questo senso, non hai un rivale diretto, corri contro il cronometro. Quando ho provato le gare nazionali della NASCAR ho notato quanto mi divertissi negli scontri diretti con gli altri piloti. Così mi sono detto ‘probabilmente sarebbe bello averli più spesso e la Formula 1 è la categoria regina agli occhi di molti piloti’. Quindi volevo sapere se sarei riuscito ad andare ancora forte".

Ma avresti potuto guidare nella EuroNASCAR o in altre categorie con meno risonanza mediatica, se eri interessato solo a correre. O la sfida della Formula 1 è davvero importante per te?
"Sì, mi piace correre, guidare in Formula 1. Non importa cosa si fa, in qualsiasi ambito ci sono aspetti positivi e negativi. Bisogna solo prendere quelli positivi, indipendentemente dalla categoria. In altre competizioni magari non c’erano interviste, ma altre cose che non mi piacevano. Questo però è valido per ogni ambito della vita, c’è sempre qualcosa di positivo e qualcosa di negativo. È difficile trovare qualcosa di perfetto, che non ha nulla di sbagliato. Prendi le vacanze, per esempio: una volta che sei arrivato sarà anche bellissimo, ma il viaggio è noioso".

Parliamo del tuo libro, l’hai letto davvero?
"Sì. Normalmente non leggo libri, mi sembra troppo di stare a scuola. Lì dovevo leggere una serie di libri e credo di non averne mai finito uno. Era troppo noioso per me, non necessariamente per i libri in sé, ma perché leggere era troppo stupido per me. Il giorno della pubblicazione c’è stato un piccolo evento e la sera prima l’ho letto. Sapevo cosa c’era scritto perché ho letto qualche spezzone. Ma era la prima volta che avevo il libro intero di fronte a me, nel modo in cui sarebbe andato in vendita. Così l’ho letto".

C’è stato anche un argomento di cui hai parlato con l’autore, ma poi gli hai detto ‘non lo pubblicheremo ora’ oppure no?
"Non proprio. Forse qualcosa, ma non nello specifico. Non volevo nascondere nulla. Ovviamente, ci sarebbero un sacco di cose che avrei potuto raccontare, ma un libro ha un numero limitato di pagine. Non ci si può mettere tutto dentro, altrimenti diventa troppo fitto. Non ho mai voluto scrivere un libro polemico in cui ci fosse scritta una cosa o un’altra, successa in questa o in quella maniera. Non c’è stato un argomento su cui avessi detto ‘questo non va bene così’, nessuno. Sono stato molto aperto".

C’è stato un capitolo che ho trovato particolarmente interessante e, ad essere onesti, mi ha ricordato un po’ il mio periodo più selvaggio. È il capitolo ‘sedici giorni’, racconta di quando sei stato ubriaco per giorni consecutivi tra il Bahrain e Barcellona nel 2013. Come sei riuscito a ricordarlo?
"Non ci sono riuscito infatti. In gran parte me lo hanno dovuto ricordare gli altri. Abbiamo fatto il giro dell’Europa e ci siamo divertiti, non era la prima volta e per noi era normale".

Credo sia questo l’aspetto che le persone amano di più di te: che te ne freghi! Qualcun altro avrebbe detto ‘questo non metterlo nel libro’...
"Ma non c’è niente di sbagliato in questa cosa. Dov’è la storia da non raccontare? Non c’è nulla di male. Era quasi normale e succedeva spesso. Il capitolo del libro non racconta l’unica volta in cui ho fatto una cosa del genere, mi divertiva".

Ora sei sposato e hai due figli. Immagino che l’idea di divertimento ora sia cambiata...
"Ovviamente, ora ci sono altre priorità. All’epoca avevo il lavoro ma se volevo andare da qualche parte, ci andavo senza problemi perché non dovevo chiedere a nessuno. Ero grande abbastanza da sapere cosa volessi. Ma quando hai una famiglia le cose cambiano. Voglio stare con i miei bambini, sono lontano da casa per molto e mi piace trascorrere del tempo con la mia famiglia. A volte esco da solo con mia moglie, ma è una cosa completamente diversa. Diventiamo tutti vecchi, no? Dopo 16 giorni consecutivi da ubriaco non mi sentirei bene come una volta. Ci sono tante altre cose nella vita che ora per me sono importanti. Questo non vuol dire non uscire più, lo faccio ovviamente! Ma il tempo trascorso con i bambini e la famiglia ha la priorità".

Ma puoi ancora farcela in qualche modo: un esempio è stato il Gala della FIA nel 2018 a San Pietroburgo. Si può dire che sia stato il più divertente dopo tanti anni!
"Guarda, è così noioso che è meglio ravvivarlo, probabilmente sono stato invitato proprio per intrattenere!"

È stato molto divertente da vedere, devo dire di essere rimasto impressionato dalla tranquillità con cui tua moglie ha reagito. Se fossi salito io sul palco in quel modo, la mia fidanzata si sarebbe infuriata…
"Sì, facile per lei, perché ha già sperimentato molto con me!"

Hai ricevuto chiamate da membri della FIA arrabbiati dopo quell’episodio?
"No, nessuna. Perché avrei dovuto riceverne? Perché dovevano essere arrabbiati? Mi hanno invitato loro, mica è colpa mia. Non è successo niente di che".

C’è una leggenda nel paddock che risale ai tempi in cui bevevi molto. Si dice che fumassi durante le riunioni con la Lotus. È vero?
"Non so se fosse veramente nelle riunioni. Non direi proprio alle riunioni, non ne sono sicuro, forse. Fumavo quando ero più giovane, ora non fumo da molto tempo".

Hai smesso definitivamente?
"Non ricordo nemmeno quando ho fumato per l’ultima volta. Credo che anche nel libro ci sia scritto che fumavo ma poi ho smesso. Tornando alla domanda di prima, non ne sono sicuro, ma non credo che fumassi nelle riunione. Sicuramente nel motorhome e sulla terrazza…con il capo!"

Non gli importava?
"Ovviamente no. Credo che una volta sia successo ad Abu Dhabi, me lo ricordo. Non è mai stati un problema o almeno a me non ha mai detto nulla!"

Si parla molto dello stile di vita di Lewis Hamilton. Tu hai mai avuto la sensazione che smettere di bere e fumare potesse migliorare le tue prestazioni?
"No, non proprio. Probabilmente ha reso il mio modo di vivere anche migliore. Sei sei un tipo a cui piace leggere libri, devi leggere. Devi fare qualsiasi cosa che ti faccia stare bene, l’importante è che tu sappia cosa è meglio per te. Se ti fanno fare cose che fa qualsiasi altro pilota, allora non andrà bene. Devi sapere qual è la cosa giusta per te, ognuno ha il proprio metodo e questa è la cosa più importante. Non importa poi quale sia. Sono sicuro che ognuno vive la propria vita in maniera diversa. Penso che più cresci e più conosci te stesso scoprendo cosa ti fa bene e cosa no. E poi deve essere divertente. Se qualcuno ti dice tutto il tempo di fare qualcosa che non ti diverte, a lungo andare non andrai bene".

Si può dire che ora tu sia una persona più equilibrata rispetto a dieci anni fa?
"In qualche modo sì, ma anche la mia vita è cambiata molto. Ora ho una famiglia, nulla mi stressa più difficilmente. La mia vita ora è sicuramente più piena rispetto a prima, ci sono altre cose molto più importanti".

Ci sono alcune cose nel tuo libro che non ho capito, per esempio il ritorno in Ferrari. Alla fine del 2009 ti hanno dato molti soldi perché tu non corressi più per la Ferrari. E poi sei tornato. Dall’esterno è stato complicato da capire, perché avevamo capito che i rapporti erano incrinati. Come è stato tornare in Ferrari e chi è stato il primo a contattarti?
"Sei stato tu. È successo quando correvo per la Lotus. Non ho mai avuto un problema con la Ferrari. Avevo un contratto nel 2009, ma molte cose mi hanno innervosito, anche della Formula 1 in generale. Ecco come è andata. Volevano qualcosa di diverso in squadra, abbiamo trovato una soluzione, ma non ho mai avuto problemi con nessuno in Ferrari. Avevamo già avuto qualche discussione con una o due persone lì. Ma ne abbiamo parlato fuori. Non ho mai avuto la sensazione di essere stato trattato male. C’è chi scrive sempre certe cose, ma la verità è che non mi interessano i discorsi sui contratti di allora. Volevo solo fare qualcos’altro oltre alla Formula 1. Ho ancora amici in Ferrari e ad un certo punto abbiamo iniziato a parlare, le cose sono venute una dopo l’altra".

L’altra cosa che non ho capito è il tuo rapporto con Ron Dennis. Ha coniato il soprannome “Iceman”, ma negli anni il vostro rapporto si è un po’ freddato, vero?
"Non direi. Il nostro rapporto non è finito, ancora oggi quando lo vedo ci parlo. Non ho mai avuto problemi personali con lui. È vero che abbiamo discusso su alcune cose, quali dovessi fare, quali no…ma questo non ha mai condizionato il nostro rapporto. Sicuramente a volte si è arrabbiato e all’epoca mi arrabbiavo anche io perché avrei dovuto accettare di fare una o l’altra cosa".

Sei riuscito a separare la sfera professionale da quella personale...
"Sì, non c’è mai stato un problema tra noi. Discutevamo su alcuni argomenti e la volta dopo parlavamo normalmente. Non è mai diventata una questione personale. Ovviamente non era d’accordo con il modo in cui io vivevo la mia vita e a me non piaceva il fatto che volesse interferire nella mia sfera privata. Ma non ho problemi a parlare con Ron. Qualche anno fa ci siamo incontrati e abbiamo chiacchierato. Credo che sia una brava persona, l’unico problema era il suo interferire, ma questo non è mai stato personale. Ho trascorso dei bei momenti in McLaren. A volte c’erano discussioni che mi facevano arrabbiare, ma è normale".

Scorrimento
Lista

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38
1/20

Foto di: Andrew Hone / LAT Images

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38
2/20

Foto di: Andrew Hone / LAT Images

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing
3/20

Foto di: Jerry Andre / Sutton Images

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38
4/20

Foto di: Jerry Andre / Sutton Images

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38
5/20

Foto di: Zak Mauger / LAT Images

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing
6/20

Foto di: Jerry Andre / Sutton Images

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38
7/20

Foto di: Dom Romney / LAT Images

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38
8/20

Foto di: Glenn Dunbar / LAT Images

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing precede la parata dei piloti

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing precede la parata dei piloti
9/20

Foto di: Joe Portlock / LAT Images

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38, fermo in pista

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38, fermo in pista
10/20

Foto di: Dom Romney / LAT Images

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing, firma autografi ai fan

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing, firma autografi ai fan
11/20

Foto di: Gareth Harford / Sutton Images

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38, precede Lando Norris, McLaren MCL34

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38, precede Lando Norris, McLaren MCL34
12/20

Foto di: Andrew Hone / LAT Images

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38
13/20

Foto di: Mark Sutton / Sutton Images

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38
14/20

Foto di: Glenn Dunbar / LAT Images

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing, alla parata dei piloti

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing, alla parata dei piloti
15/20

Foto di: Glenn Dunbar / LAT Images

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38
16/20

Foto di: Glenn Dunbar / LAT Images

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing, firma un autografo

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing, firma un autografo
17/20

Foto di: Andy Hone / LAT Images

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38
18/20

Foto di: Glenn Dunbar / LAT Images

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing
19/20

Foto di: Minas Panagiotakis / Getty Images

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38
20/20

Foto di: Zak Mauger / LAT Images

Articolo successivo
Red Bull: giusto cambiare Gasly, ma la scommessa Albon pagherà?

Articolo precedente

Red Bull: giusto cambiare Gasly, ma la scommessa Albon pagherà?

Articolo successivo

Marko su Gasly: "Male nel traffico. Perde posizioni e non supera"

Marko su Gasly: "Male nel traffico. Perde posizioni e non supera"
Carica i commenti