Racing Point, Perez: "Se Vettel firma, è ovvio che me ne vada"

Il messicano sa benissimo che in squadra non avrebbe alcuna speranza di restare contro Stroll se dovesse arrivare il tedesco, ma le trattative proseguono.

Racing Point, Perez: "Se Vettel firma, è ovvio che me ne vada"

Sergio Pérez è convinto di essere obbligato a lasciare la Racing Point se Sebastian Vettel dovesse firmare col team per il 2021.

Il tedesco, che è stato liberato dalla Ferrari per il prossimo anno, ha ammesso di aver cominciato un dialogo con la squadra "rosa", seppur in via ancora marginale.

La Racing Point attualmente ha sotto contratto pluriennale sia Pérez che Lance Stroll, con il messicano che avrebbe 3 anni di accordo, ma anche la consapevolezza che contro il figlio del proprietario, Lawrence Stroll, principale azionista di Aston Martin - futuro nome del team - non avrebbe molte chance di restare nel caso arrivasse Vettel.

“Penso che sia una scelta ovvia, sappiamo chi lascerebbe la squadra - ha detto Pérez a Movistar+ F1 - Da papà, non metterei mai alla porta mio figlio, per cui non c'è molto da aggiungere. Ci sono tante chiacchiere in giro, da parte mia non cambia nulla ora: ho un contratto col team".

Il sudamericano aveva detto la scorsa settimana di essere stato avvicinato da alcune squadre, che sfrutterebbero una clausola rescissoria presente nel suo contratto con la Racing Point; ciò però non sarebbe del tutto vero, ma più legato alla sponsorizzazione di Telmex.

“In tutti i contratti ci sono sempre delle clausole, soprattutto quando si tratta di sponsor. Ma stiamo lavorando con loro perché non si manifesta questa situazione. Non si tratta solo di un marchio, parlo di un problema generale".

Sergio Perez, Racing Point RP20
Sergio Perez, Racing Point RP20
1/10

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Sergio Perez, Racing Point RP20
Sergio Perez, Racing Point RP20
2/10

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sergio Perez, Racing Point
Sergio Perez, Racing Point
3/10

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Sergio Perez, Racing Point RP20, Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, George Russell, Williams FW43, Lando Norris, McLaren MCL35 e Carlos Sainz Jr., McLaren MCL35
Sergio Perez, Racing Point RP20, Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, George Russell, Williams FW43, Lando Norris, McLaren MCL35 e Carlos Sainz Jr., McLaren MCL35
4/10

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sergio Perez, Racing Point RP20
Sergio Perez, Racing Point RP20
5/10

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Sergio Perez, Racing Point RP20
Sergio Perez, Racing Point RP20
6/10

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Sergio Perez, Racing Point
Sergio Perez, Racing Point
7/10

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Sergio Perez, Racing Point RP20
Sergio Perez, Racing Point RP20
8/10

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, precede Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C39, Nicholas Latifi, Williams FW43, e Sergio Perez, Racing Point RP20
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, precede Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C39, Nicholas Latifi, Williams FW43, e Sergio Perez, Racing Point RP20
9/10

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Sergio Perez, Racing Point RP20
Sergio Perez, Racing Point RP20
10/10

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

condividi
commenti
Montezemolo critica la Ferrari: "Binotto è troppo solo"
Articolo precedente

Montezemolo critica la Ferrari: "Binotto è troppo solo"

Articolo successivo

Andretti: "Razzismo? Hamilton crea un problema che non esiste"

Andretti: "Razzismo? Hamilton crea un problema che non esiste"
Carica i commenti