Pourchaire: assaggio di F1 con l'Alfa Romeo ai test Pirelli

Il pilota francese, membro del programma Sauber, compirà i primi giri al volante di una Formula 1 nel corso della due giorni di test che si terrà sul tracciato dell'Hungaroring martedì 3 e mercoledì 4 agosto.

Pourchaire: assaggio di F1 con l'Alfa Romeo ai test Pirelli

Dopo il caotico GP d'Ungheria andato in scena domenica scorsa, il tracciato dell'Hungaroring ospiterà ancora le monoposto di F1 per una nuova sessione di test Pirelli dedicata allo sviluppo delle coperture da 18'' che saranno adottate la prossima stagione.

Oltre alla Ferrari, nelle due giornate di martedì e mercoledì, sarà presente anche l'Alfa Romeo ed al volante della C41 farà il suo debutto alla guida di una F1 Théo Pourchaire.

Il pilota francese è senza dubbio uno dei prospetti più interessanti apparsi nel panorama automobilistico negli ultimi anni.

Campione in F4 tedesca nel 2019, Théo ha stupito tutti al debutto in Formula 3 l'anno successivo restando in lotta per il titolo sino al round conclusivo del Mugello.

L'ottima stagione in F3 gli ha spalancato le porte della Formula 2 nel 2020. Pourchaire è rimasto legato al team ART Grand Prix ed anche in questa stagione, nonostante fosse un rookie, è riuscito ad adattarsi immediatamente ad una monoposto sconosciuta conquistando una pole clamorosa a Monaco ed una vittoria mai in discussione nella Feature Race del Principato.

Pourchaire occupa attualmente la sesta posizione in classifica piloti con 65 punti, ed ha rischiato di dover saltare l'appuntamento di Silverstone a causa della frattura al polso sinistro rimediata nella Feature Race di Baku durante un contatto con Ticktum ed Armstrong nel corso del primo giro.

Il francese, che fa parte del programma Sauber ed è un pupillo di Frederic Vasseur, potrà fornire utili riscontri al team svizzero in questa due giorni di test conoscendo già le Pirelli da 18'' utilizzate in Formula 2 sin dalla passata stagione.

condividi
commenti
Report Live: Ungheria, il GP dell'effetto domino

Articolo precedente

Report Live: Ungheria, il GP dell'effetto domino

Articolo successivo

Horner: "Dopo il crash, Max aveva meno downforce di Schumacher"

Horner: "Dopo il crash, Max aveva meno downforce di Schumacher"
Carica i commenti