Sulla F138 c'è anche un filo di.... bianco?

Sulla F138 c'è anche un filo di.... bianco?

Cresce l'attesa per la monoposto che sta per essere mostrata nella Tensostruttura di Maranello

Cresce l’attesa per la Ferrari F318 che pare torni un po’ all’antico vestendosi con un filo di… bianco. Riprendendo la livrea dell’abbigliamento Puma della squadra, che ha aggiunto degli inserti bianchi nel tradizionale rosso, riproponendo quindi su tute e giacche a vento un triangolo che in qualche modo è un omaggio allo sponsor tabaccaio, anche sulla nuova monoposto si rompe l’egemonia del mono colore e si ritorna a vedere degli inserti di bianco. La cinquantanovesima monoposto del Cavallino rampante oltre a cambiare nome rispetto alle sigle delle ultime edizioni (F318 è frutto dell’unione di F che sta per Ferrari, con 13 che identifica le ultime due cifre dell’anno di produzione e 8, il numero dei cilindri del motore 056 che andrà in pensione alla fine di questa stagione), torna all’antico proponendo una livrea che in qualche modo vuole richiamare delle vetture che nel pedigree del Reparto Corse hanno vinto dei mondiali. Un segno scaramantico assai più forte del timore che il numero 13 della sigla possa far storcere il naso ai più superstiziosi. Sì perché la nuova Ferrari ripropone una banda bianca che aveva caratterizzato la Ferrari 312 T di Niki Lauda campione del mondo nel 1975 e tutta la genealogia delle macchine con cui Michael Schumacher ha vinto i cinque titoli di fila dal 2000 al 2004.

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Piloti Pedro de la Rosa , Fernando Alonso , Felipe Massa
Articolo di tipo Ultime notizie