Porsche più vicina alla F1: vede i fattori necessari in arrivo

Il nuovo responsabile motorsport della Porsche ha spiegato che i fattori che potrebbero portare all'ingresso in Formula 1 si stanno allineando, ma che ora non potrà aspettare troppo tempo per prendere una decisione definitiva a riguardo.

Porsche più vicina alla F1: vede i fattori necessari in arrivo

Il Gruppo Volkswagen, che possiede i marchi Porsche ed Audi, è stato coinvolto nei recenti incontri con la FIA e gli attuali costruttori di Formula 1 per discutere di un potenziale ingresso dal 2026, quando arriveranno i nuovi regolamenti sui motori.

Il tentativo di compiacere sia le squadre attuali che i marchi potenzialmente interessati ad entrare in Formula 1 con i nuovi regolamenti sembra aver fatto dei progressi, con la MGU-H che sembra essere destinata ad essere eliminata come punto di compromesso.

Le discussioni sono ancora in corso, tuttavia, con un elemento chiave legato ai potenziali vantaggi che potrebbero essere dati ai nuovi costruttori per evitare che si possano rivelare troppo poco competitivi nel confronto con quelli che invece hanno già grande esperienza con gli attuali turbo ibridi.

Concept livrea Porsche F1

Concept livrea Porsche F1

La Porsche ha valutato un coinvolgimento in Formula 1 per molti anni, e ha lavorato ad un progetto che poteva portare alla conversione del suo motore del WEC. Tuttavia, il piano è stato abbandonato quando la F1 ha abbandonato l'idea di rivedere subito il suo regolamento.

Alle recenti riunioni ha partecipato il CEO, Oliver Blume, ma ora il nuovo vice-presidente del motorsport, Thomas Laudenbach, è stato coinvolto pesantemente nel processo decisionale ed ha spiegato che i fattori richiesti alla prossima generazione di power unit affinché la Porsche si impegni in Formula 1 si stanno allineando.

Questi riguardano la capacità della Formula 1 di essere rilevante per la tecnologia delle vetture stradali, con la Porsche che spinge per un incremento dell'elemento elettrificato nel pacchetto turbo-ibrido.

Thomas Laudenbach, Vice President Porsche Motorsport

Thomas Laudenbach, Vice President Porsche Motorsport

Photo by: Porsche Motorsport

Parlando con alcuni media selezionati, tra cui Motorsport.com, Laudenbach ha detto: "Se si guarda al futuro e si guarda a ciò che le case automobilistiche stanno annunciando riguardo alla quota di veicoli elettrici che vogliono vendere in futuro, penso che sia molto importante che la Formula 1 faccia un passo verso l'elettrificazione".

"E' chiaro che non si può fare una vettura completamente elettrica. Lo sappiamo tutti. Ma ci deve essere una priorità molto più alta sulla parte elettrica della powertrain. Questo è importante. Come costruttore, vuoi farti notare nel motorsport, ma questo deve essere rilevante anche per ciò che accade sulla strada".

Concept livrea Porsche F1

Concept livrea Porsche F1

"Da quello che so ora, la FIA ha fatto un passo enorme in questa direzione. E credo che questo aiuterà".

Laudenbach ha spinto sulla necessità per la Formula 1 di andare avanti con le sue misure per limitare i costi, al di là del budget cap introdotto recentemente, se vuole aumentare le probabilità di un impegno da parte della Porsche.

Questo aiuterebbe a bilanciare il costo dell'aumento della capacità elettrica delle power unit, con Laudenbach che suggerisce di utilizzare parti più standardizzata nel motore a combustione interna.

"Non è un segreto che stiamo pensando alla F1. Non è un segreto che stiamo parlando con la FIA e non è un segreto che stiamo considerando la cosa seriamente. Ma non è stata ancora presa nessuna decisione".

"Da quello che so, molte cose stanno andando nella direzione giusta per quanto riguarda la Formula 1, per quanto riguarda l'elettrificazione o la parte elettrica della powertrain".

"Vorremmo vedere più parti standard nel motore e libertà nelle parti elettriche. E molti dei fattori che ho menzionato, da quello che sappiamo, potrebbero diventare realtà".

Laudenbach, che è tornato alla Porsche per sostituire Fritz Enzinger dopo un periodo di otto anni all'Audi Sport, ha sottolineato ancora una volta che la decisione definitiva non è stata ancora presa, ma ha anche aggiunto che non si potrà attendere troppo a lungo per farlo.

"Una cosa è chiara, se prenderemo questa decisione non possiamo aspettare troppo a lungo, perché se si vuole correre nel 2025 bisogna iniziare a lavorarci prima o poi. Questo è il punto a cui siamo".

"Se qualcuno pensa davvero di entrare in Formula 1 come produttore di power unit, si dovrebbe sempre combinare con un importante cambiamento delle regole, in modo che tutti debbano fare un passo e che tu non sia l'unico".

"Non è un segreto che se si guarda al pubblico ed al valore pubblicitario, la Formula 1 è estremamente buona rispetto ad altri campionati. Non c'è dubbio su questo", ha concluso.

Leggi anche:
condividi
commenti
Red Bull resta forte anche con il turbo Honda più piccolo
Articolo precedente

Red Bull resta forte anche con il turbo Honda più piccolo

Articolo successivo

Ceccarelli: “Il tempo di reazione non si allena”

Ceccarelli: “Il tempo di reazione non si allena”
Carica i commenti