Pirelli, Isola: "Ad Austin sono possibili diverse strategie. Le tattiche di gara non sono scontate!"

condividi
commenti
Pirelli, Isola:
Redazione
Di: Redazione
15 ott 2018, 16:08

Il responsabile car racing di Pirelli pensa che ad Austin possano esserci strategie differenti in gara per più variabili, due di queste sono certamente il meteo e una pista che permette di superare.

Pirelli è title sponsor del Gran Premio degli Stati Uniti. Per la gara di Austin sono stati nominati P Zero Yellow soft, Red supersoft e Purple ultrasoft: le stesse tre mescole già scelte per il debutto stagionale in Australia, oltre ad Azerbaijan,
Francia e Austria. Questo weekend arriva in un momento cruciale della stagione per il campionato piloti, su un circuito spettacolare che presenta nel suo layout gli elementi più caratteristici e spettacolari di altri tracciati in tutto il mondo. In 14 gare finora disputate sono stati migliorati i record del circuito (sia assoluti che in gara), e anche il Gran Premio Pirelli degli Stati Uniti è pronto per fare la storia.

Il circuito dal punto di vista delle gomme

  • A parità di nomination, le tre mescole disponibili (soft, supersoft e ultrasoft) sono più morbide di uno step rispetto alle equivalenti 2017.
  • Il Circuit of the Americas si percorre in senso antiorario e presenta curve molto diverse tra loro, quindi è necessario trovare un set-up di compromesso.
  • Curva 1 è la più conosciuta: si tratta di un tornante fra salita e discesa dove è particolarmente difficile giudicare il punto di frenata.
  • Sono presenti tre lunghi rettilinei che possono raffreddare i pneumatici a ogni giro, perciò è ancor più fondamentale mantenere le gomme nella corretta finestra d’utilizzo.
  • Nel 2017, Lewis Hamilton ha vinto con una strategia a una sosta. Due pit stop per Sebastian Vettel, 2° al traguardo. Altri piloti hanno scelti tattiche sia a una che a due soste.

Mario Isola, responsabile car racing di Pirelli: "Come abbiamo visto lo scorso anno, ad Austin potranno essere possibili diverse strategie, in una gara che è sempre difficile da interpretare soprattutto a causa del meteo molto variabile e delle caratteristiche del tracciato. Negli ultimi anni l’evoluzione dell’asfalto non è stata molta, rispetto agli inizi: come sempre, sarà molto importante per i team utilizzare le sessioni di prove libere per ottenere informazioni aggiornate sul tracciato e preparare al meglio la propria strategia. Per questa gara la tattica non è così scontata, visto che il circuito offre diversi punti dove poter sorpassare, come abbiamo visto nel 2017. Quello di Austin è un appuntamento importante anche per Pirelli, che proprio qui è title sponsor. Questo sottolinea il ruolo chiave degli Stati Uniti per l’azienda, con il primo P Zero World inaugurato a Los Angeles due anni fa".

Altre novità

  • In contemporanea con il fine settimana di gara, si terrà a Miami il quarto F1 Festival dell’anno, con spettacoli e monoposto impegnate in giri dimostrativi.
  • Ad Austin, tra le gare collaterali ci saranno anche Formula 3 e Formula 4 statunitensi: due categorie dove Pirelli è presente per sostenere i giovani piloti.
  • Paolo Andreucci ha conquistato il suo 11° titolo nel Campionato Italiano Rally, su Peugeot 208 R5 equipaggiata Pirelli.

Pressioni minime alla partenza

Anteriore: 21,0 psi
Posteriore: 20,0 psi

Camber massimo

Anteriore: -3,50°
Posteriore: -2,00°

Articolo successivo
Verstappen contro la proposta della Q4: "Le qualifiche diventerebbero come le prove libere"

Articolo precedente

Verstappen contro la proposta della Q4: "Le qualifiche diventerebbero come le prove libere"

Articolo successivo

La Toro Rosso schiera Sean Gelael nella FP1 di Austin

La Toro Rosso schiera Sean Gelael nella FP1 di Austin
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Evento GP degli USA
Autore Redazione
Tipo di articolo Preview