Pirelli, Isola: "A Sochi speriamo di vedere strategie differenti ai box grazie al salto di mescola!"

condividi
commenti
Pirelli, Isola:
Redazione
Di: Redazione
25 set 2018, 08:16

L'asfalto di Sochi è poco severo con le gomme, per questo Pirelli ha voluto impiegare le Hypersoft, ovvero le mescole più prestazionali della gamma 2018. "Sarà interessante capire come queste mescole si adatteranno alla pista", ha aggiunto Isola.

Dopo avere demolito tutti i record dei circuiti sui quali sono stati usati finora, i P Zero Pink hypersoft sono stati nominati anche a Sochi insieme a Yellow soft e Purple ultrasoft: una combinazione con un ‘salto’ di mescola vista per la prima volta a Singapore.

Proprio come a Marina Bay, questo fattore dovrebbe consentire ai Team varie strategie, con un divario abbastanza ampio tra le prestazioni delle tre mescole. Il Sochi Autodrom è però un circuito con caratteristiche molto diverse rispetto a Singapore e potrebbe presentare alcune incognite nel corso del fine settimana.

Il circuito dal punto di vista delle gomme

  • Nel 2014, anno della prima gara in Russia, l’asfalto si presentava molto liscio e scivoloso. Finora l’evoluzione del tracciato non è stata particolarmente elevata, anche a causa della grande differenza climatica tra estate e inverno.
  • Questo gran premio torna a disputarsi in autunno, come era sempre stato fino al 2016.
  •  I livelli di usura e degrado sono generalmente bassi, ma i pneumatici Pink hypersoft sono effettivamente di due step più morbidi rispetto alla mescola più tenera portata qui nel 2017, la ultrasoft.
  • Lo scorso anno, Valtteri Bottas ha vinto a Sochi la sua prima gara in Formula 1 grazie a una strategia ultrasoft-supersoft. Il pilota Mercedes si era fermato per il pit stop al giro 27.
  • Curva 3 è la più impegnativa di tutto il tracciato: si tratta di un curvone a sinistra con diversi punti di corda.
  • Il pneumatico anteriore destro è il più sollecitato su questo circuito di km 5,848 che enfatizza
    soprattutto trazione e frenata.

Mario Isola, responsabile car racing di Pirelli: "Così come a Singapore, anche a Sochi speriamo di vedere strategie diverse da parte dei Team, grazie anche alla stessa nomination con un ‘salto’ di mescola. Questo circuito, molto diverso rispetto a quello di Marina Bay, è a bassa severità e presenta un asfalto piuttosto liscio, con usura e degrado contenuti: l’ideale per i P Zero Pink hypersoft. Per i Team saranno fondamentali i dati raccolti durante le prove libere su questa mescola, per comprendere come utilizzarla al meglio nella strategia di gara. Sarà molto interessante capire come la hypersoft si adatterà alle caratteristiche di questo tracciato, specialmente su un settore particolarmente impegnativo come quello di Curva 3".

Quali novità?

  • Questo weekend tornano in pista Formula 2 e GP3 per l’ultima gara europea del 2018.
  • Il pilota russo Alexey Lukyanuk si è confermato Campione Europeo di Rally dopo il Rally di Polonia della scorsa settimana. Pirelli ha conquistato il titolo europeo per il quarto anno consecutivo.
  • Ferrari e Mercedes sono state impegnate la scorsa settimana in un test di sviluppo Pirelli in ottica 2019. Il prossimo è in programma con Renault martedì 9 e mercoledì 10 ottobre a Suzuka.

Pressioni minime alla partenza

Anteriore: 21,5 psi
Posteriore: 21,0 psi

Camber massimo

Anteriore: -3,25°
Posteriore: -2,00°

Prossimo articolo Formula 1
F.1, orari e copertura TV in Svizzera per il GP di Russia

Articolo precedente

F.1, orari e copertura TV in Svizzera per il GP di Russia

Articolo successivo

Budkowski: "Sarebbe ridicolo pensare che Renault possa lottare con Mercedes, Ferrari e Red Bull nel 2019!"

Budkowski: "Sarebbe ridicolo pensare che Renault possa lottare con Mercedes, Ferrari e Red Bull nel 2019!"
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Evento GP di Russia
Location Sochi Autodrom
Autore Redazione
Tipo di articolo Preview