Perez: "Ora ci sono due Red Bull per il Mondiale"

Il pilota messicano è tornato sulla bella vittoria di Baku, sottolineando che ora Red Bull può ambire a cose importanti con entrambe le sue vetture. Checo si è anche detto stupito del modo caloroso con cui gli ha dato il benvenuto Alex Albon, al quale di fatto ha "rubato" il posto.

Perez: "Ora ci sono due Red Bull per il Mondiale"

Sergio Perez ha trascorso molto serenamente il post-Baku. In un colpo solo ha ottenuto il primo successo al volante della Red Bull, ha salvato il bilancio di tappa della squadra ed è salito al terzo posto nella classifica del Mondiale.

“Credo che la vittoria sia stata una spinta per l’intera squadra – ha commentato Checo – Max meritava la vittoria per quello che ha fatto vedere, è stata solo la sfortuna a fermarlo, ma penso sia stato importante avere la consapevolezza che ci sono due vetture che possono lottare il campionato”.

Perez ha poi rivelato che il successo di Baku è arrivato anche grazie alla sua partenza…sbagliata. “Quando mi è stato detto che saremmo ripartiti per i due giri finali con lo start tradizionale – ha ammesso Sergio – ho pensato che avessi tutto da perdere. Ero primo, e potevo solo peggiorare la mia posizione, così ho cercato di concentrarmi sulla partenza ma per diverse ragioni non è stata buona".

 

"Col senno di poi proprio l’avvio non perfetto si è rivelata una circostanza fortunata, perché considerando i problemi ai freni di Lewis, se mi fossi trovato davanti a lui alla prima curva non so cosa sarebbe successo! Dopo la gara ho parlato con Stefano (Domenicali) e gli ho detto ‘vi piace molto lo spettacolo!’ e mi ha risposto ‘beh, è stato fantastico per i fan'".

Il contributo di Albon

Ora nel mirino c’è il Paul Ricard, pista in cui Max Verstappen si aspetta il ritorno ai massimi livelli della Mercedes. “Sono in Formula 1 ormai da diversi anni – ha commentato Perez – e so che possono succedere davvero tante cose. L’importante è proseguire a testa bassa e lavorare su noi stessi assicurandoci di massimizzare il potenziale della nostra vettura”.

Checo ha voluto anche sottolineare il contributo che sta garantendo Alexander Albon, ovvero proprio il pilota a cui Perez ha soffiato il posto con l’arrivo in Red Bull: “Alex sta lavorando molto sia al simulatore che con gli ingegneri. Ricordo che quando sono arrivato nel team non mi aspettavo certo che fosse così aperto nei miei confronti, invece mi ha spiegato come funziona la macchina ed è stato molto gentile sin dal primo giorno. È una cosa che ho davvero apprezzato, così come apprezzo il contributo che sta garantendo a tutta la squadra”.

Sergio Perez, Red Bull Racing RB16B, Lewis Hamilton, Mercedes W12
Sergio Perez, Red Bull Racing RB16B, Lewis Hamilton, Mercedes W12
1/20

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Sergio Perez, Red Bull Racing RB16B, 1 posizione, viene applaudito dai membri del team Aston Martin
Sergio Perez, Red Bull Racing RB16B, 1 posizione, viene applaudito dai membri del team Aston Martin
2/20

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Sergio Perez, Red Bull Racing RB16B
Sergio Perez, Red Bull Racing RB16B
3/20

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Aston Martin, 2° classificato, il rappresentante della Red Bull Racing, Sergio Perez, Red Bull Racing, 1° classificato, e Pierre Gasly, AlphaTauri, 3° classificato, sul podio
Sebastian Vettel, Aston Martin, 2° classificato, il rappresentante della Red Bull Racing, Sergio Perez, Red Bull Racing, 1° classificato, e Pierre Gasly, AlphaTauri, 3° classificato, sul podio
4/20

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16B, Sergio Perez, Red Bull Racing RB16B
Max Verstappen, Red Bull Racing RB16B, Sergio Perez, Red Bull Racing RB16B
5/20

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Sergio Perez, Red Bull Racing RB16B, pit stop
Sergio Perez, Red Bull Racing RB16B, pit stop
6/20

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Sergio Perez, Red Bull Racing, 1° classificato, festeggia all'arrivo al Parco Chiuso
Sergio Perez, Red Bull Racing, 1° classificato, festeggia all'arrivo al Parco Chiuso
7/20

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes W12 e Sergio Perez, Red Bull Racing RB16B alla ripartenza
Lewis Hamilton, Mercedes W12 e Sergio Perez, Red Bull Racing RB16B alla ripartenza
8/20

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Sergio Perez, Red Bull Racing RB16B, vince il GP dell'Azerbaijan
Sergio Perez, Red Bull Racing RB16B, vince il GP dell'Azerbaijan
9/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Aston Martin, 2° classificato, il delegato del trofeo Red Bull, Sergio Perez, Red Bull Racing, 1° classificato, e Pierre Gasly, AlphaTauri, 3° classificato, sul podio
Sebastian Vettel, Aston Martin, 2° classificato, il delegato del trofeo Red Bull, Sergio Perez, Red Bull Racing, 1° classificato, e Pierre Gasly, AlphaTauri, 3° classificato, sul podio
10/20

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Sergio Perez, Red Bull Racing RB16B, 1° classificato, prende la bandiera a scacchi per la gioia della sua squadra al muretto dei box
Sergio Perez, Red Bull Racing RB16B, 1° classificato, prende la bandiera a scacchi per la gioia della sua squadra al muretto dei box
11/20

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Sergio Perez, Red Bull Racing, 1°classificato, sul podio
Sergio Perez, Red Bull Racing, 1°classificato, sul podio
12/20

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Sergio Perez, Red Bull Racing, 1° classificato, festeggia nel Parco Chiuso con la sua squadra
Sergio Perez, Red Bull Racing, 1° classificato, festeggia nel Parco Chiuso con la sua squadra
13/20

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Sergio Perez, Red Bull Racing RB16B
Sergio Perez, Red Bull Racing RB16B
14/20

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Sergio Perez, Red Bull Racing RB16B
Sergio Perez, Red Bull Racing RB16B
15/20

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Sergio Perez, Red Bull Racing RB16B
Sergio Perez, Red Bull Racing RB16B
16/20

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Sergio Perez, Red Bull Racing RB16B
Sergio Perez, Red Bull Racing RB16B
17/20

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Sergio Perez, Red Bull Racing RB16B
Sergio Perez, Red Bull Racing RB16B
18/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sergio Perez, Red Bull Racing RB16B
Sergio Perez, Red Bull Racing RB16B
19/20

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Sergio Perez, Red Bull Racing RB16B, Lewis Hamilton, Mercedes W12
Sergio Perez, Red Bull Racing RB16B, Lewis Hamilton, Mercedes W12
20/20

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

condividi
commenti
Ricciardo: "Sto ancora cercando il limite della vettura"

Articolo precedente

Ricciardo: "Sto ancora cercando il limite della vettura"

Articolo successivo

F1: il peso eccessivo, un problema con cui fare i conti

F1: il peso eccessivo, un problema con cui fare i conti
Carica i commenti