Perez: “Marko mi ha mandato un messaggio di complimenti”

Sergio Perez afferma che il capo della Red Bull Helmut Marko è stato tra i boss dei team di Formula 1 che gli ha mandato un messaggio di complimenti dopo la vittoria dello scorso fine settimana a Sakhir.

Perez: “Marko mi ha mandato un messaggio di complimenti”

La Racing Point non ha rinnovato Sergio Perez, che è ancora in attesa di una decisione da parte della Red Bull. Il team austriaco non ha ancora ufficializzato se confermerà il sedile di Alex Albon o meno nel 2021. Il management Red Bull ha chiarito tempo fa che attenderà fino all’ultima gara di Abu Dhabi, per poter dare ad Albon l’opportunità di dimostrare al massimo il proprio valore.  

Ad ogni modo, Perez insiste sul fatto che non ha fretta: “”Ho ricevuto messaggi di complimenti da molti capi della Formula 1, compreso Helmut Marko, è stato bello. Per quanto riguarda qualsiasi decisione, penso che ciò che dicono sia corretto. Prenderanno una decisione ad un certo punto dopo il weekend. Quindi non so quale sarà questa decisione, non c’è più molta fretta. Siamo alla fine dell’anno, abbiamo aspettato così a lungo, che una o due settimane in più per conoscere il futuro non cambieranno molto”.

Il messicano ha minimizzato sull’impatto che la vittoria del GP di Sakhir può avere, mettendo in risalto invece la costanza negli anni: “Sostengo fermamente che in Formula 1 una gara non cambia la tua vita. Ho mostrato negli ultimi 10 anni, weekend dopo weekend, anno dopo anno, tra alti e bassi, che alla fine ho sempre concluso l’anno con buoni risultati. Quest’anno in particolare ci sono stati molti alti e bassi, ho perso due gare a causa del Covid in un campionato molto corto. Inoltre ho perso il podio che ormai avevo in tasca a causa di un problema al motore. Ci sono state tante opportunità mancate, ma comunque sono quarto nella classifica piloti. Quindi è stato un anno molto, molto solido. Ma tanto merito va dato al team, perché mi ha dato una macchina con cui posso mostrare di cosa sono capace, quindi questo è qualcosa di davvero speciale”.

Quando gli è stato chiesto se eventualmente dovesse lasciare questo sport a testa alta dopo aver vinto una gara, ha risposto: “Tutto ciò che posso dire è che sono in pace con me stesso. Non ho il pieno controllo del mio futuro al momento e questa cosa ovviamente infastidisce, penso che ogni essere umano sarebbe infastidito in una situazione del genere. Ma dato che questa cosa non dipende da me, la vittoria è arrivata e sento di aver sfruttato al meglio le mie opportunità”.

“Quindi, se avrò un sedile il prossimo anno sarà fantastico – prosegue – ma se non lo avrò, tornerò nel 2022. Credo di essere al culmine della mia carriera e gli anni migliori devono ancora arrivare. Anche perdendo un anno, il prossimo, sono determinato a rientrare nel 2022. Se dovrò stare fermo un anno, lo farò. Ma sono ancora più determinato a tornare. Penso che la vittoria mi abbia messo in pace con me stesso, ma mi abbia anche reso più affamato. Voglio di più nello sport. Dopo che vinci una volta, sai che puoi farlo di nuovo. Io voglio vincere molte altre volte”.

condividi
commenti
Sainz: "Poca logica dietro al no al test di Abu Dhabi"

Articolo precedente

Sainz: "Poca logica dietro al no al test di Abu Dhabi"

Articolo successivo

Vettel: "Germania 2018? Piccolo errore con un prezzo enorme"

Vettel: "Germania 2018? Piccolo errore con un prezzo enorme"
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Piloti Sergio Pérez Mendoza
Autore Adam Cooper